20 October 2020

26-27 dicembre: neve dove e quando, le ultimissime

sinotticaEcco a voi, cari lettori, un aggiornamento natalizio, doveroso visto il peggioramento ormai prossimo, e utile per trarre qualche elemento di prognosi dalle più recenti elaborazioni numeriche proposte dai nostri modelli. 

Il punto più importante sul quale soffermarsi è legato alle impressioni sintetizzate in questo articolo di ieri, Vigilia di Natale, dove si notava un classico est shift del canale depressionario che convoglierà l’aria fredda dall’Artico fin sull’Europa. Le conseguenze di questa manovra, evidentemente confermare dalle ultime risultanze d’ensemble, ma anche dalla maggior parte delle corse deterministiche, possono riassumersi come segue:

Primo nucleo freddo

Atteso nella giornata di Santo Stefano, transiterà ad est dell’arco alpino e riverserà parte del suo labbro freddo lungo le nostre regioni adriatiche. Prevista rapida passata di precipitazioni, con quota neve che, data la maggior distanza dall’asse freddo verso i Balcani, saranno leggermente più alte di quanto previsto in precedenza. Al primo mattino 600-800 metri sull’Appennino romagnolo, 800-1000 metri sul tratto umbro-marchigiano. 

Nel pomeriggio stessa quota per il tratto abruzzese, dove però il fiocchi tenderanno a calare localmente fino a 500-600 metri. Sui restanti settori e sull’Appennino meridionale rovesci sparsi a partire dal pomeriggio, intervallati da lunghe pause asciutte. Brevi nevicate oltre gli 800-1000 metri, con limite in calo su Sila e Pollino in serata fin verso i 700-800 metri per intensificazione delle precipitazioni. Limite oltre i 1200-1400 metri sul resto dei monti calabresi e siculi settentrionali.

Secondo nucleo freddo

Giungerà subito dopo il primo e, intraprendendo una traiettoria più orientale di quanto ipotizzato nei giorni scorsi, giungerà in anticipo sfruttando il canale depressionario fornito dal precedente nucleo apripista. Ciò determinerà due conseguenze dirette,

  • prima: possibilità che il nord-ovest venga saltato dalle precipitazioni e rimanga all’asciutto. Possibilità che le uniche nevicate scendano a sfiorare i fondovalle e talora anche la pianura solo laddove si verificherà una provvidenziale confluenza tra venti meridionali risalenti l’Adriatico e venti settentrionali in discesa dalle Alpi, ovvero tra Veneto, Trentino, Alto Adige e Friuli Venezia Giulia.
  • seconda: possibilità che l’anticipo sui tempi, permetterà al sistema frontale di attraversare l’Italia sfruttando il ramo caldo, senza ancora occludersi. Le conseguenze saranno un rialzo delle quote neve durante l’evento perturbato che si concentrerà pertanto nella sola giornata di sabato 27, anziche in quella di domenica 28, e in particolare:

sinottica1Per il nord (dalla mattina al primo pomeriggio), neve a 600-700 metri in Valle d’Aosta e comparto ossolano, rapida passata di nevicate sulla Lombardia centro-orientale, con particolare riferimento al settore alpino, prealpino e pedemontano tra 300 e 500 metri, spruzzate di neve sull’Appennino ligure ed emiliano romagnolo tra 800 e 1000 metri, neve a tratti fin su pianura  e fondovalle su Trentino, Alto Adige, Veneto (eccetto Polesine) e Friuli Venezia Giulia (solo a tratti lungo le coste).

Per il centro (dal pomeriggio), neve fino a 600-700 metri, ma in successivo rapido rialzo fino a 800-1000 metri sulla Toscana, 1000-1200 metri sul resto del settori interni di Lazio, Umbria, Marche e Abruzzo. Spruzzate di neve sulle cme dei monti sardi oltre i 1200-1400 metri (dalle ore centrali della giornata). Possibili eccezioni in caso di precipitazioni temporalesche, con rispettive quote neve in locale e temporaneo ribasso (maggior probabilità lungo i versanti tirrenici).

Per il sud (dalla sera), neve tra 1100 e 1400 metri su Molise, Campania, Basilicata e rilievi di confine con la Puglia, 1400-1500 metri su Calabria e Sicilia. Possibili eccezioni in caso di precipitazioni temporalesche, con rispettive quote neve in locale e temporaneo ribasso (maggior probabilità su Campania e Calabria).

Rinnovando i miei più sentiti auguri di buon Natale vi rimando ai prossimi aggiornamenti.

Hold the line!!

Luca Angelini

 

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.