19 November 2019

500 mila fulmini in tre giorni, weekend “irrequieto” sull’Italia

Il temporale è il fenomeno meteorologico capace di rilasciare in poco tempo l’energia accumulata nei bassi strati dell’atmosfera sotto forma di aria calda e umida. Si tratta sostanzialmente di una macchina termica che converte l’energia da una forma ad un’altra e, parte di questo processo, sfoga sotto forma di scariche elettriche.

I fulmini nascono dalla differenza di potenziale elettrico che si attua all’interno delle nubi temporalesche quando, in seno alle intense correnti verticali che ne costituiscono la struttura, le goccioline d’acqua poste alla base (caricate negativamente) e i cristalli di ghiaccio alla sommità (caricati positivamente) vengono a contatto. La scintilla scocca come avviene per un corto circuito tra i diversi settori della nube e tra la nube e il suolo (a sua volta caricatosi positivamente).

Bene, detto questo, vi interesserà sapere che negli ultimi tre giorni – ed esattamente tra venerdì 26 e domenica 28 luglio compresi – sull’Italia e sulle aree circostanti sono scoccati oltre 500.000 fulmini. Tanti? Pochi? Se avete delle perplessità l’immagine qui sopra vi toglierà ogni dubbio.

Andrea Corigliano e Luca Angelini

Powered by Siteground