18 January 2021

Alba e tramonto, perchè possono essere così rossi?

L’atmosfera quasi irreale degli ultimi due giorni si è manifestata soprattutto per l’intensa colorazione rossa dell’atmosfera all’alba e al tramonto. L’evento è stato particolarmente vistoso sulle nostre regioni settentrionali, che sono state sorvolate da strati nuvolosi a quote molto elevate, nati e sviluppatisi per l’interferenza del vento in quota con il sottostante l’arco alpino; il fenomeno è conosciuto come “onda orografica“.

Ma perchè tutto quel rosso?

E’ un fenomeno che avviene quando il sole è molto basso sull’orizzonte o addirittura al di sotto di esso (aurora o imbrunire), quando noi siamo in ombra ma le nubi poste ad alta quota sono ancora illuminate dagli ultimi raggi di sole. Questi ultimi appaiono rossi in direzione delle nuvole perché devono attraversare grandi porzioni di atmosfera, e intercettare quindi umidità e pulviscolo, perdendo così alcune frequenze della luce visibile.

Lo spettro completo della luce solare è bianco, perchè costituita da tutte le lunghezze d’onda della luce (da tutti i colori). Quando però l’atmosfera frappone ostacoli come pulviscolo o umidità, la luce inizia a venire filtrata e cambia colore. Il sole nelle ore centrali del giorno quindi diventa giallo, mentre il colore del cielo blu.

Se però andiamo verso l’alba o il tramonto, la luce ad onda più corta blu-violetta del cielo, intercettando il pulviscolo atmosferico, si comporta come una piccola onda del mare che viene bloccata da una scogliera diventando quasi invisibile (fenomeno della diffrazione). Le lunghezze d’onda più grandi invece, quelle del giallo e del rosso, si comportano come grandi onde del mare che riescono a superare la nostra scogliera. E’ per questo che rimangono visibili quando i raggi del sole sono molto bassi (alba e tramonto) rendendo crepuscoli e aurore momenti di pura suggestione.

Luca Angelini

Powered by Siteground

Alba e tramonto, perchè possono essere così rossi?