Allerta meteo GIOVEDI 21 maggio. la Protezione Civile informa…

protezUna perturbazione atlantica ha raggiunto il nord Italia portando condizioni di forte instabilità. Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le Regioni coinvolte, ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse.

AVVISO: l’avviso prevede, dal mattino di oggi, giovedì 21 maggio, precipitazioni a prevalente carattere temporalesco, sull’Emilia-Romagna. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, grandine, frequente attività elettrica, forti raffiche di vento.

CRITICITA: sulla base dei fenomeni previsti è valutata per oggi criticità gialla per rischio idraulico sulle pianure lombarde, sull’Oltrepò pavese e su buona parte dell’Emilia Romagna e per rischio idrogeologico sul nord-ovest della Lombardia, sul resto dell’Emilia Romagna, sul Friuli Venezia Giulia, sul Veneto, sulla Liguria, su buona parte del Piemonte, sulle Marche e sul Molise.

BOLLETTINO DI VIGILANZA NAZIONALE: Precipitazioni:
– da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Piemonte meridionale, Lombardia meridionale, Emilia-Romagna, Liguria, Toscana settentrionale e Marche orientali, con quantitativi cumulati generalmente moderati;
– da isolate a sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, su resto del nord, restanti settori di Toscana e Marche, Umbria, Lazio orientale e meridionale, Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Puglia centro-settentrionale, Calabria e Sicilia settentrionale, con quantitativi deboli.
Visibilità: nessun fenomeno significativo.
Temperature: in generale diminuzione, sensibile sulle regioni meridionali.
Venti: forti dai quadranti occidentali sulla Sardegna con rinforzi di burrasca sulle Bocche di Bonifacio; forti settentrionali con raffiche di burrasca sulla Liguria, in attenuazione; localmente forti settentrionali sulla Sicilia; tendenti a forti nord-orientali sull’alto Adriatico con raffiche di bora sul triestino.
Mari: agitato il mare di Sardegna tendente ad agitato il canale di Sardegna, lo stretto di Sicilia, molto mossi i restanti bacini occidentali, tendente a molto mosso l’Adriatico settentrionale.

Dipartimento della Protezione Civile Settore Meteo

adattamento Luca Angelini

 

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.