20 October 2020

Alpi e Prealpi: quanta NEVE, ma solo da 2 mila metri in su

La nuova perturbazione atlantica giunta dalla Francia e che nella giornata di venerdì è prevista interessare gran parte delle nostre regioni centro-settentrionali, porterà anche nevicate significative su Alpi e Prealpi, seppur a quote elevate per il periodo.

E’ stato stimato un livello medio compreso tra 1.600 e 1.800 lungo le Alpi, livello che sale a 1.900-2.000 metri lungo al fascia prealpina.

Notevoli gli accumuli attesi in quota (al netto dell’apporto eolico). saranno superiori ai 60 centimetri sulle Alpi Liguri, sulle Lepontine, nel settore compreso tra l’Ossola e la zona Verbano, sul comparto retico e sulle Orobie per quanto riguarda la Lombardia. Depositi nevosi compresi tra 30 e 60 centimetri su tutti gli altri settori dell’arco alpino.

In base a queste precipitazioni, l’Aineva stima per VENERDI 20 un pericolo di valanghe forte (livello 4) sulle Alpi Liguri, sui settori compresi tra l’Ossola e la Valgrande in zona Verbano, livello 3 (marcato) su tutte le altre zone, ad eccezione dell’Alto Adige/Sud-Tirol e delle Prealpi Carniche e Giulie, dove è stato stimato un pericolo moderato (livello 2). Ulteriori criticità sono stimate per la giornata di SABATO 21, quando sono stati anticipati livelli di pericolo marcati su molte zone, soprattutto su Piemonte, bassa Valle d’Aosta e Lombardia.

Luca Angelini

Powered by Siteground