28 January 2021

Alta pressione, il ritorno (a qualcuno era mancata?)

Alta pressione, ormai tutti devono sapere cos’è.

Una porzione di atmosfera entro la quale l’aria scende dalle alte quote avvitandosi in senso orario (nel nostro emisfero). In altri termini se l’aria si porta dalle alte quote, dove è più rarefatta, verso il basso, dove invece è più concentrata, si scalda (effetto compressione). Ma scaldandosi fa evaporare le goccioline d’acqua presenti in atmosfera (le nubi) e quindi dà luogo a tempo spesso soleggiato e senza piogge.

Ecco, in queste poche righe abbiamo già descritto il tempo che ci attende quasi per l’intera settimana, ovvero a partire da martedì 21 novembre per diversi giorni a venire.

Esaurite infatti le infiltrazioni fredde legate a quella discesa di aria artica diretta verso i Balcani, ricordate ne avevamo parlato anche nel nostro ultimo video, la campana di alta pressione sposterà il suo raggio d’azione e dal vicino Atlantico si porterà sul bacino del Mediterraneo.

Per questo la settimana che sta per iniziare trascorrerà senza precipitazioni degne di nota, tuttavia dobbiamo anche osservare che l’alta pressione fa anche “da tappo” costringendo in tal modo l’aria umida eventualmente presente nei bassi strati (anche questo è il caso attuale) a ristagnare con formazioni nebbiose e di nubi basse. Non si esclude così la possibilità di qualche debole pioggia o pioviggine, specie su Levante ligure e coste tirreniche.

Insomma, nella nostra settimana non ci saranno piogge ma non ci saranno nemmeno solo belle giornate, anzi spesso il cielo si sarà grigio proprio per questi strati umidi bassi che concorreranno anche a mantenere il clima un po’ freddino, specie in val Padana. Ovviamente, parlando di val Padana, l’attenzione va certamente alla qualità dell’aria, la quale si farà cattiva proprio perchè, l’effetto “tappo” detto prima, contribuirà anche all’accumulo delle sostanze inquinanti emesse dalle nostre attività.

Si conferma dunque quanto avevamo anticipato in questo precedente articolo, osservando che ora possiamo tranquillamente aggiungere alle regioni settentrionali, anche il resto dell’Italia.

Luca Angelini

Alta pressione, il ritorno (a qualcuno era mancata?)