2 December 2020

Ancora alcuni giorni con temperature sotto media

Ultimamente non è una novità, ma lo diventa se solo andassimo a confrontare l’andamento termico dell’attuale mese di dicembre con quelli degli anni immediatamente passati, quasi tutti ben più miti della norma.

Questo andazzo pare riproporsi anche nei prossimi giorni, prolungando di fatto questa fase anche nella terza settimana del mese, quindi fino alle porte del Natale. Natale di cui ancora nulla si può sapere – teniamo a rimarcarlo – benchè più di qualcuno giuri di sapere già tutto…

La cartina sopra allegata è comunque eloquente e mette in bella evidenza quel lago di aria fredda che seguiterà a stazionare sul comparto euro-mediterraneo abbracciando in toto l’Italia.

Ricordo che questo piano di analisi si riferisce alla quota isobarica di 850hPa, quindi sostanzialmente ad una altezza media di circa 1.500 metri. Ciò vuol dire che al livello del suolo le condizioni possono essere leggermente differenti, sia per l’escursione termica tra il giorno e la notte, sia per tutti i processi microclimatici che avvengono nello strato più basso dell’atmosfera, come ad esempio, ricadute favoniche, brezze notturne, isole di calore rubane, influenze di mari e laghi e via dicendo.

Fatto sta che, a conti fatti, le miti correnti meridionali a questo giro si sono fate “bagnare il naso” da quelle fredde settentrionali, le quali hanno preso il sopravvento e ancora lo faranno per alcuni giorni, spiegando il perchè di tutto quell’azzurro sulle nostre solatie lande.

Luca Angelini

Ancora alcuni giorni con temperature sotto media