Come è andato marzo in Italia? Secco e molto mite

Tanto si è detto strada facendo sulle anomalie del tempo che si andavano manifestando di giorno in giorno; il mese sotto esame era quello di marzo 2017. Ora, a bocce ferme, i dati strumentali confermano le nostre sensazioni.

Ha fatto caldo per essere marzo. Nessuna significativa irruzione di aria fredda dalle latitudini polari, molti giorni di alta pressione e così le temperature in Italia si sono attestate su valori al di sopra della media mensile di 2,5°C al nord e al centro, intorno a 1,0°C al sud, tra 0,5 e 1,0°C sulle Isole, uniche regioni che possono vantare un quadro “quasi” in media.

Con l’alta pressione a oltranza anche le precipitazioni ne hanno risentito e sono state quasi ovunque al di sotto della media. Pensate che in zone come la pianura Padana sono caduti meno di 20 millimetri di pioggia (media poco più di 65mm), lo stesso quantitativo registrato anche in Puglia e sul sud della Campania (media climatica circa 50mm), addirittura meno di 10 millimetri sulle Isole Maggiori (media 45mm per la Sardegna, 50mm per la Sicilia).

In allegato le cartine pubblicate dal centro delle Ricerche ISAC-CNR (pagina completa a questo indirizzo), a loro volta confermate anche dalla NOAA americana.

Luca Angelini

Come è andato marzo in Italia? Secco e molto mite