23 January 2018

ANTICICLONI sempre tra i piedi? Ecco perchè l’Europa parte sempre avvantaggiata

Quando il tempo si inceppa son dolori. Spesso ciò accade in presenza dei cosiddetti anticicloni di blocco, i quali hanno una collocazione preferenziale attorno al globo.

Spesso ci si chiede infatti perchè le alte pressioni diano l’impressione di essere proiettate verso l’Europa e il Mediterraneo. E’ solo un’impressione, una fissazione mentale o un dato di fatto? E se è un fatto reale perchè mai accade così?

Uno studio condotto da Molteni e Tibaldi, che hanno forgiato l’omonimo blocking index, ci fornisce le risposte cercate: per motivi legati alla circolazione generale dell’atmosfera la longitudine di e quella di 180° sono quelle dove con maggior frequenza si verificano situazioni di blocco anticiclonico. Il fenomeno è più frequente nella stagione invernale, quando diventa una vera e propria anomalia climatica. Attenzione quindi a non confondere le consuete circolazioni anticicloniche o cicloniche semi-permanenti (vedi ad esempio alta delle Azzorre o ciclone d’Islanda) con i settori dove si verificano con maggior frequenza i blocchi, che invece sono considerate anomalie.

La figura in alto (click per aprirla) chiarisce bene il concetto.

Guarda caso la longitudine di 0° è quella di Greenwich, con l’Italia subito vicino, leggermente spostata verso est, sono proprio le fette di globo interessate con maggior frequenza da situazioni bloccanti. Come vedete dai grafici, riferiti al trimestre invernale dicembre, gennaio, febbraio, la longitudine del Mediterraneo occidentale alle porte dell’Italia è addirittura una di quelle maggiormente interessate da situazioni di blocco dell’intero Pianeta. L’altra longitudine, quella di 180°, si perde sul bel mezzo del Pacifico, esattamente sulla linea del cambio di data, dove non esistono terre emerse se non atolli sperduti.

Tecnicamente per conoscere se ci si trova in situazioni di blocco si valutano indici dal nome impossibile come GHGN (Gradiente dell’Altezza Geopotenziale Nord) e GHGS (Gradiente dell’Altezza Geopotenziale Sud). In pratica, con opportune equazioni, si calcola lo scarto tra l’altezza media del geopotenziale di 500hPa (5.500 metri) alle latitudini di 40°N, 60°N e 80°N. Se tale differenza (gradiente) è superiore a 10 metri geopotenziali, ci troviamo in condizioni di blocco totale o parziale. Confrontando poi questo dato con il valore medio del periodo 1950-2000, si possono trarre importanti informazioni di utilità statistica e climatologica.

E’ bene ricordare anche che tali anomalie persistono in media 2-3 settimane, ma dobbiamo considerare che reiterate condizioni di blocco possono determinare la rigenerazione continua dell’onda anticiclonica con un protrarsi dell’anomalia anche per qualche mese.

E’ stato rilevato inoltre che la frequenza e l’intensità dei blocchi atmosferici subisce alcune modifiche in relazione al ciclo dell’ENSO e risulta più tenace in caso di El Nino (la situazione attuale), meno nei casi neutri o di La Nina. Questo perchè tale ciclo modifica la distribuzione della pressione sul comparto pacifico e indiano portando allo sviluppo di onde atmosferiche (alte e basse pressioni) di lunghezza e parametri appropriati al rallentamento e al blocco.

Luca Angelini

ANTICICLONI sempre tra i piedi? Ecco perchè l’Europa parte sempre avvantaggiata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*