23 September 2018

Aprile 2018 in Italia: caldo e secco, l’avreste mai detto?

A volte le cose non sono come sembrano. Proprio per questo le rilevazioni strumentali vanno oltre le semplici impressioni personali, le quali oltretutto la maggior parte delle volte si riferiscono a zone molto circoscritte. Sono dunque usciti i dati ufficiali riferiti allo scorso mese di aprile e l’incrocio delle risultanze elaborate dalla NOAA e dal CNR consentono di avere un quadro esaustivo della situazione.

TEMPERATURE: in Italia sono state superiori alla media (1971-2000) di ben +3,5°C (cartina in alto, click par aprirla). Questo vuole dire che, prendendo come riferimento la media suddetta, si è trattato del mese di aprile più caldo dall’inizio delle rilevazioni strumentali. Separando valori minimi notturni e massimi diurni, lo scarto diventa rispettivamente +3,16°C (valore più elevato dall’inizio delle rilevazioni) e +3,84°C (secondo valore più elevato dopo i +3,94°C rilevato nel 2007).

PRECIPITAZIONI: l’abbraccio di un anticiclone è stato sufficiente ad abbattere la piovosità che nei mesi precedenti era invece risultata abbondante (cartina qui a fianco). Sull’Italia nei 30 giorni di aprile ha piovuto il 55% in meno rispetto alla media climatologica 1971-2000. In questo caso non siamo comunque dinnanzi ad alcun record, dato che aprile 2018 si è posto al diciassettesimo posto nella lista dei mesi più asciutti dall’inizio delle rilevazioni.

Luca Angelini

Aprile 2018 in Italia: caldo e secco, l’avreste mai detto?