17 January 2021

Arcobaleno: è vero che porta sempre il bel tempo?

L‘arcobaleno si staglia spettacolare nel cielo e da più parti già si sentono cose del tipo: “Vuol dire che il tempo presto migliorerà”. Chi di noi non ha mai esclamato una frase simile, magari dopo un brutto temporale o dopo una giornata di pioggia battente? Il fenomeno dell’arcobaleno nasce quando il sole basso sull’orizzonte illumina una colonna di pioggia in caduta, la quale può così sfoggiare tutte la spettacolari sfumature cromatiche dell’iride.

Se ci pensiamo bene l’arcobaleno spunta in prevalenza nelle ore serali, magari dopo il classico temporale pomeridiano, il che significa che il sole si trova ad ovest, mentre il maltempo ad est. Considerando che la circolazione alle nostre latitudini procede prevalentemente da ovest verso est, va da sè che il sereno ad occidente indica una prossima cessazione delle precipitazioni e quindi un miglioramento.

Ma le cose si complicano in tantino se pensiamo che quanto descritto non è comunque una regola. Volessimo approfondire un po’ meglio la questione ci accorgeremmo subito che è tutto un po’ troppo schematico e semplificato. E se l’arcobaleno invece ce lo troviamo nel cielo al mattino?

Sempre per lo stesso motivo sopra esposto, trovandosi ad ovest, esso può rappresentare invece un peggioramento, caso frequente con presenza di una goccia di aria fredda in quota e rotazione antioraria delle correnti interne. E a riguardo documentiamo in figura un arcobaleno mattutino comparso il 17 novembre del 2010 nel cielo di Avellino. Fu un arcobaleno porta-pioggia.

Quindi arcobaleno si, ma prima di trarre conclusioni, guardiamo bene dove… mette i piedi.

Luca Angelini

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.