15 October 2019

Aria di ottobrata nella seconda decade

Mentre procediamo a grandi passi verso il cuore centrale di ottobre siamo ancora in attesa delle cosiddette “tempeste equinoziali” se non che, anno dopo anno, ci rendiamo conto che questo caratteristico passaggio stagionale, sia diventato sempre più solo un’obsoleto e fatiscente ricordo.

Stante alle ultime elaborazioni numeriche infatti, nella seconda parte della settimana è probabile una fase meteorologica molto mite e soleggiata a causa dell’espansione dell’anticiclone nord-africano verso il Mediterraneo e l’Europa meridionale.

In altre parole il flusso perturbato che negli ultimi giorni ha tentato faticosamente di guadagnare spazi verso sud, si ritirerà nuovamente verso latitudini più elevate per lasciare spazio a quella che potremmo definire una classica ottobrata: niente più piogge, temperature sopra le medie, non di molto, ma in modo comunque costante, le prime nebbie sulle bassure e, probabilmente, anche i primi problemi tangibili legati all’inquinamento atmosferico nelle grandi città e nelle aree padane.

Nei prossimi giorni confermeremo o meno questo quadro, non proprio edificante in vista di un autunno che procede a lunghi passi, ma solo sulla carta.

Luca Angelini

Powered by Siteground