2 December 2020

Aria FREDDA alle porte, ecco dove potrebbe NEVICARE tra domenica e lunedì

Un IMPORTANTE aggiornamento riguardo l’atteso evento freddo delle prossime ore, di cui abbiamo avuto modo di approfondire in diverse occasioni. Partendo da quanto abbiamo già sottolineato nel nostro ultimo VIDEO – e potendo ora contare su una gittata previsionale sufficientemente breve tale da permetterci una buona messa a fuoco del dettaglio – il grosso delle precipitazioni si concentrerà:

1)sia laddove si manifesteranno condizioni di instabilità atmosferica.

2)sia lungo le zone esposte a sbarramento orografico.

Nel PRIMO CASO, seguendo quanto calcolato dalle più recenti corse della modellistica numerica, possiamo individuare quest’area in corrispondenza della traiettoria intrapresa dal minimo di pressione (e di temperatura) in quota. Questo nocciolo freddo si sposterà dalla verticale del mare di Sardegna in direzione delle nostre regioni centrali attraverso il Tirreno. Sarà però l’entrata in fase con un secondo minimo di pressione, questa volta di tipo orografico, che si approfondirà nei bassi strati sottovento alla Toscana, la miccia che potrà favorire lo sviluppo di precipitazioni nevose anche a quote molto basse, anche di pianura, a cavallo delle nostre regioni centrali.

Dunque le regioni che a partire dal pomeriggio – sera di domenica 25, potranno assistere a questo tipo di nevicate (rovesci di neve) saranno: Toscana, Umbria, Lazio, cui si aggiungeranno nella successiva nottata, anche Abruzzo, Molise e Campania.

LE CITTA’ COINVOLTE:  per quanto detto non è pertanto da escludere che possano venire coinvolte dalle nevicate, seppur con modalità differenti e apporti irregolari (che comunque non implicano necessariamente accumulo al suolo) città capoluogo di regione come Firenze, Perugia e persino Roma. A queste si potranno aggiungere nella successiva nottata anche L’Aquila, Campobasso, ma anche città dell’entroterra campano come Benevento e Avellino (da confermare eventuali altre città che al momento sono ferme ad una probabilità più bassa).

SECONDO CASO: le nevicate da sbarramento orografico. Saranno quelle che interesseranno tutti i settori esposti ai venti freddi da nord-est. Tra questi segnaliamo la cintura pedemontana piemontese e lombarda (con accumuli comunque più decisi sul Cuneese) e solo spolverate di passaggio su tutte le altre zone padane domenica mattina (seguite da schiarite con vento freddo da est). Il grosso delle nevicate però andrà crescendo man mano che proseguiremo il nostro percorso verso la pedemontana emiliano-romagnola e le Marche (domenica pomeriggio).

LE CITTA’ COINVOLTE: tra le città coinvolte dalle spolverate passeggere menzioniamo Trieste, Venezia, Milano e Torino. Tra quelle dove dovrebbe invece nevicare con maggiore insistenza, pur se nel complesso con andamento moderato, tutte quelle della fascia emiliana da Piacenza a Bologna e quella romagnola da Imola a Rimini, poi, passando alle Marche, tra Pesaro e Ancona, oltre naturalmente a tutto l’entroterra (ma qui più nella note e nella mattina di lunedì 27).

Il video qui sotto proposto ci mostra in sequenza la possibili distribuzione dei fenomeni (pioggia in azzurro, neve in rosso) così come viene simulato dal modello a scala locale Arpege, con risoluzione 10km.

Luca Angelini

Aria FREDDA alle porte, ecco dove potrebbe NEVICARE tra domenica e lunedì