23 September 2018

Aria polare marittima fredda, da dove arriva, che cosa ci porta?

Le masse d’aria che raggiungono il Mediterraneo e l’Italia non sono tutte uguali. Lo’ svolgimento del tempo alle medie e alte latitudini infatti poggia le basi della sua variabilità proprio in base all’avvicendarsi delle diverse masse d’aria che si spostano lungo l’emisfero trasportare dalle varie figure atmosferiche. I meteorologi, allo scopo di conoscere le caratteristiche del tempo che si associa ad ogni tipo di massa d’aria, hanno provveduto ad una classificazione in base alle zone di origine che determinano, a loro volta, le loro caratteristiche fisiche.

Avrete certamente tutti notato il notevole salto di temperatura delle ultime ore. Ebbene, la massa d’aria che ci sta interessando proprio in queste ore è di tipo Polare Marittimo freddo.

La sua zona di origine è il Canada, nel settore oceanico tra il Labrador e Terranova in una fascia compresa tra 50° e 60° di latitudine. Le sue caratteristiche fisiche sono pertanto marittime, quindi rimescolate, il che conferisce alla massa d’aria un notevole spessore verticale.

Raggiunge l’Italia dai quadranti di nord-ovest, al seguito delle perturbazioni atlantiche del tipo “fronte freddo” e irrompe sul Mediterraneo attraverso le valli francesi di Carcassonne e del Rodano, sotto forma di venti di Maestrale, ma è anche capace di scavalcare le Alpi portando, in determinate condizioni, al vento di Foehn sulle regioni settentrionali.

E’ un tipo di massa d’aria legata ad un calo moderato delle temperature, più evidente nel semestre estivo,quando può associarsi anche al transito di rovesci e temporali, non solo durante il passaggio frontale, ma anche successivamente date le caratteristiche instabili che la contraddistinguono.

Luca Angelini

Aria polare marittima fredda, da dove arriva, che cosa ci porta?