20 September 2019

C’ è il riscaldamento globale e fa freddo, è normale?

Si lo sappiamo è sempre la solita storia tuttavia, considerato il pessimo livello dell’informazione attuale in Italia, sarà meglio chiarire la questione.

Anzitutto dobbiamo metterci in testa che quello che accade un giorno, un mese, un anno non dimostra assolutamente nulla dal punto di vista del clima. Questo perchè la forbice minima da fissare per esaminare una media climatica è di 30 anni (lo ha disposto l’Organizzazione Meteorologica Mondiale).

Di conseguenza, tempo e clima sono due cose differenti: il tempo è quello che accade oggi e che ci aspetta domani, il clima è il tempo medio di 30 anni.

Inoltre c’è anche da considerare le scale della meteorologia – ne abbiamo ampiamente trattato in questo VIDEO dedicato – ovvero: quello che accade su una sola località non dimostra nulla dal punto di vista del clima. Questo perchè il campo di analisi deve estendersi per comparti geografici molto estesi, una nazione, un continente.

Dunque, ricapitolando: se ieri e oggi in Italia ha fatto più freddo del normale, in altre zone, magari in USA o in Australia, faceva ben più caldo, quindi i risultati a prima vista si compensano. Perchè a prima vista?

Perchè in realtà mettendo insieme i dati raccolti trentennio per trentennio, si è notato che c’è qualcosa che va oltre la normale variabilità climatica: le temperature medie di tutto il mondo si stanno alzando e la frequenza degli episodi più caldi del normale superano, in frequenza ed intensità, quelli di freddo (vedi grafici qui sopra). E questo è un trend, ossia una tendenza, ed è proprio questo che deve essere preso in considerazione quando si parla di clima

Quindi, per concludere, rispondiamo alla domanda del titolo iniziale: è normale che c’è il riscaldamento globale e fa freddo? Risposta “SI”, l’episodio deriva dalla normale variabilità climatica del nostro Paese. Il resto è solo semplice sensazione, mera opinione personale o peggio, meschina ideologia politica trasversale.

Luca Angelini

Powered by Siteground