25 November 2020

Calano le temperature del mare, ma al sud le acque sono ancora calde

Come sappiamo acqua e aria sono si raffreddano alla stessa velocità. L’acqua ha un’inerzia termica maggiore dell’aria e pertanto è molto più lenta negli scambi di calore. Questo influisce sui cambi di temperatura che avvengono in modalità differenti tra l’una e l’altra. Così l’acqua, come si riscalda lentamente durante la primavera e la prima parte dell’estate, si raffredda altrettanto lentamente durante l’autunno e la prima parte dell’inverno.

Noi al momento ci troviamo in quest’ultima fase, con la superficie del mare rimescolata, nota tecnicamente come termoclino, che inizia a cadere calore all’atmosfera poichè in bilancio negativo. Il sole infatti non riesce a fornire all’acqua stessa più calore di quanto ne esce.

Visto e considerato che lo stato termico dei nostri mari può diventare importante per quanto riguarda l’energia disponibile in caso di eventuali situazioni di maltempo, siamo andati a vedere a che punto siamo, utilizzando i dati forniti dalla nostra pagina dedicata al mare.

Prima osservazione: il termoclino è scarsamente rimescolato, fatta eccezione per il tratto di mare compreso tra il golfo del Leone (Francia) e la Sardegna, dove il Maestrale non troppo infrequente durante l’estate, ha mantenuto un profilo di temperature leggermente più basso. Attualmente su questo settore siamo tra i 18 e i 22°C. Situazione analoga sul Tirreno settentrionale.

Parimenti sta scendendo la temperatura superficiale delle acque anche sull’Adriatico, sia per la sua scarsa profondità (ci riferiamo al tratto settentrionale), sia per una maggior ventilazione da nord-est che negli ultimi giorni ha permesso un seppur minimo rimescolamento superficiale del termoclino, consentendo alle rispettive temperature di portarsi tra i 20 e i 22°C.

Rimangono calde invece le acque di tutti gli altri bacini, Canali di Sardegna e di Sicilia, Tirreno meridionale e Ionio, dove i valori alla superficie oscillano tra i 22 e i 25°C. Si tratta di valori che tuttavia, come mette in evidenza la NOAA, non si discostano molto dalla media riferita al 1971-2000.

Luca Angelini

Calano le temperature del mare, ma al sud le acque sono ancora calde