20 October 2020

Clima: anche la NOAA consegna al 2014 l'oscar dell'anno più caldo

caloreMancava solo il responso della NOAA ed oggi è arrivato. Il 2014 si è rivelato il più caldo dall’inizio delle rilevazioni strumentali, ossia degli ultimi 135 anni. Sia la National Oceanic and Atmospheric Administration e la NASA hanno confermato dunque il record di caldo fatto registrare dal 2014 a carico delle temperature globali del Pianeta. In precedenza, le prime risultanze erano pervenute dall’agenzia meteo giapponese e da un gruppo indipendente di University of California di Berkeley.

Da parte nostra avevamo già anticipato i primi dati in questo articolo e ora completiamo l’analisi con la chiusura ufficiale del discorso.

Sia JMA e NOAA inseriscono dunque l’anno appena trascorso tra i più caldi della storia moderna con minimi margini di errore rispetto alle rilevazioni precedenti (1998, 2005 e 2010), mentre la NASA ritiene che sia proprio il 2014 l’anno più caldo, con un margine di errore in pareggio statistico con le analisi del 2005 e del 2010.

A differenza degli anni passati il record di caldo targato 2014 ha primeggiato pur senza la presenza di un eventi di El Niño in corso. 

I maggiori ricercatori mondiali sono d’accordo nell’osservare che il rallentamento del riscaldamento globale avvertito negli ultimi dieci anni è stato probabilmente causato da fattori naturali a breve termine, quali le piccole variazioni dell’attività solare, di quella vulcanica e di fluttuazioni interne relative ad esempio, al ciclo dell’ENSO (fenomeno di El Niño). 

Report Luca Angelini

 

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.