23 January 2021

Clima e CO2: il grande dubbio

effettserraE’ stato dimostrato attraverso diversi studi che la concentrazione di anidride carbonica, nota anche come biossido di carbonio (meglio ancora come CO2) in atmosfera e i cambiamenti climatici sono in stretta correlazione. Ma è nato prima l’uovo o la gallina, cioè il clima si è riscaldato perchè è aumentata la CO2 o la CO2 è aumentata perchè il clima si è riscaldato? Approfondendo la questione emerge infatti che tutto sarebbe da ricondurre ad un normale ciclo naturale a bassa frequenza.

Il nostro Pianeta è costituito da una buccia azzurra liquida per il 70% della sua superficie. Sono gli oceani dunque a regolare la quantità e gli scambi di anidride carbonica in circolo nell’atmosfera. E’ stato ampiamente dimostrato che gli oceani sono in grado di produrre o assorbire diverse quantità di CO2 in risposta ai cambiamenti climatici (e non viceversa). Anche i livelli di CO2 però hanno come eco un ruolo sui cambiamenti climatici. Siamo in presenza dunque di una sorta di azione-reazione nota come effetto “feedback”, una mutua amplificazione che porta, come risultato, ad un incremento ciclico a bassa frequenza dell’effetto serra.

Un articolo comparso sulla rivista “Carbon Balance and Management” ha pubblicato i risultati di un esperimento condotto da un gruppo di ricercatori russi grazie al quale sono stati realizzati alcuni modelli di simulazione atti a comprendere il legame tra CO2 e cambiamenti climatici. Igor Mokhov e Alexey Eliseey, durante la stesura dei dati da inserire nei calcolatori, hanno ipotizzato che le emissioni prodotte dai combustibili fossili, anzichè diminuire come disposto dai vari protocolli ambientali, vadano ad aumentare nei prossimi 250 anni in modo esponenziale.

Ebbene i due ricercatori dell’Obukov Insitute of Atmospheric Physics di Mosca hanno appurato che il percorso parallelo tra quantitativi di CO2 in atmosfera e relativo feedback raggiungerebbe un picco massimo durante il quale azione e reazione inizierebbero ad annullarsi a vicenda. La conseguente successiva diminuzione delle concentrazioni di CO2 azzererebbe dunque il feedback stesso facendo ripartire il ciclo dall’inizio.

In altre parole il Pianeta si porterebbe in questo modo al suo stato di equilibrio iniziale con le temperature che rientrerebbero dal Global Warming, ammesso che quest’ultimo sia imputabile solo ed esclusivamente all’anidride carbonica (il che ovviamente non è). Il peso delle emissioni antropiche aumentate a livello esponenziale negli ultimi anni, avrebbe dunque un ruolo nel cambiamento climatico in atto, ma un impatto non primario. La sua azione infatti provocherebbe essenzialmente un leggero anticipo temporale nel raggiungimento del picco di saturazione di CO2.

In definitiva i ricercatori russi affermano che il ciclo del carbonio raggiungerà comunque il punto di saturazione, questo indipendentemente dalla velocità di aumento dello stesso in atmosfera, proprio quella velocità additata a sostegno delle tesi di un riscaldamento climatico di origine esclusivamente antropica.

Luca Angelini

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.