25 November 2020

CNR: anche febbraio finisce in.. ROSSO

Lo conoscete quel giochetto… pesca una carta dal mazzo e ti dirò che carta è? Ebbene all’inizio della scorsa stagione invernale molti si sono cimentati a fare i prestigiatori cercando di tirar fuori dal mazzo la carta che volevano, quella di un inverno freddo. Ma, come ben sapete, una volta mischiato il mazzo, a meno di conoscere un trucco particolare, difficilmente riuscirete a ripescare quella carta. E così è stato. Quella carta, per così dire,  “ingannevole” è stata quella di El Nino.

Come ho descritto qualche tempo fa in questo articolo, le influenze dirette che tale fenomeno ha sulle vicende meteorologiche dell’Europa sono minime, dubbie anche quelle indirette e comunque non scientificamente validate, e i risultati si sono visti.

A fronte di un inverno italiano previsto freddo e nevoso ci troviamo dinnanzi ad una stagione che, dall’inizio delle rilevazioni (1.880) si è collocato a pochi decimi di grado dal (quasi) imbattibile non inverno 2007, con una anomalia di temperatura impressionante, +1,76°C rispetto alla media degli ultimi 30 anni. I dati “scottanti” arrivano dal CNR di Bologna, che confermano di fatto quelli precedentemente pervenuti da altri centri di ricerca sparsi per il Mondo.

latest_season_TMMParallelamente sono giunti anche i dati relativi al mese di febbraio 2016 che, in perfetta sintonia con questo quadro, si è guadagnato la medaglia d’oro del primato dall’inizio delle rilevazioni con un bel +2,69°C rispetto alla media dello stesso trentennio. Non che non ce ne fossimo accorti per carità, dato che la prima neve è arrivata solo ora quasi esclusivamente in montagna, certamente fa comunque effetto sapere nero su bianco che sono ormai davvero molti i mesi consecutivi che fanno registrare temperature sempre al di sopra della media, anche generosamente.

I dati che abbiamo citato, oltre naturalmente a confermare il trend climatico in atto, ci dovrebbero mettere in guardia dall’eccessiva disinvoltura con la quale vengono propinate previsioni stagionali. Sarebbe forse meglio tirare un po’ i remi in barca e accorciare la pretesa previsionale a termini più ragionevoli, piuttosto che rimaner fermi al solito gioco del mazzo di carte.

Luca Angelini

CNR: anche febbraio finisce in.. ROSSO

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.