22 July 2018

CO2: emissioni zero da domani? Continueremmo a scaldarci per molti anni

Anche se azzerassimo immediatamente ed istantaneamente tutte le emissioni mondiali di gas serra, il clima globale continuerebbe a riscaldarsi di altri 0,3°C prima di raggiungere un nuovo equilibrio energetico. E’ l’effetto dell’inerzia termica del sistema climatico che non è in uno stato di equilibrio energetico. Se si tiene conto di questo processo di inerzia termica, non c’è dubbio che l’obiettivo di 1,5°C posto nell’accordo di Parigi è di fatto già superato.

Molte persone credono che il riscaldamento globale si interromperà, non appena smettiamo di emettere gas a effetto serra. Molti sono addirittura convinti che, con l’azzeramento delle emissioni clima alteranti, le temperature raggiungeranno i livelli preindustriali entro un paio di decenni.

Niente di più falso. La CO2 ha una vita media in atmosfera molto più lunga dei decenni e dei secoli, anzi rimane nell’atmosfera per migliaia di anni. L’unico modo per ridurne concentrazione dei gas serra in atmosfera è rimuoverli a ritmi più veloci dei ritmi di accumulo.

E come potremmo rimuovere i gas serra a ritmi più veloci dei ritmi di accumulo?

Favorendo i processi naturali di accumulo di anidride carbonica sotto forma di materia organica sul suolo e nel sottosuolo così come è giù successo al nostro pianeta nel corso di decine di milioni di anni. Ricordiamo infatti che i combustibili fossili hanno impiegato milioni di anni per formarsi, mentre noi ora li stiamo scomponendo bruciandoli in poche decine di anni. Da qui la sproporzione che sta causando l’impatto sull’atmosfera.

Favorire questi processi naturali significa aumentare la forestazione (riforestazione e afforestazione), combattere il degrado del suolo, favorendo l’accumulo di sostanza organica come “carbon sink” al suolo e come “carbon stocks” nel sottosuolo. Tutto ciò ovviamente ad emissioni antropogeniche pari a zero.

Per ulterioir approfondimenti vi consigliamo questo articolo:

Prof Vincenzo Ferrara

CO2: emissioni zero da domani? Continueremmo a scaldarci per molti anni