Come potrebbe essere la primavera secondo Francesco Nucera (3B Meteo)

Come di consueto in prossimità del cambio di stagione ci si chiede quale sia la tendenza complessiva che si prospetta per il futuro. Il futuro in questo caso è naturalmente la primavera che dal punto di vista meteorologico prenderà il via a partire dal primo giorno di marzo. Mancano infatti poco meno di due settimane al via, il che ci consente di allungare un attimo la gittata e cercare l’anello di congiunzione tra un mese di febbraio che probabilmente terminerà senza colpo ferire e un mese di marzo del quale già si parla e si scrive.

Tra tutte le ipotesi fatte a riguardo, vi sottopongo la relazione elaborata dal meteorologo Francesco Nucera, in servizio presso l’azienda 3B Meteo, il quale fornisce una linea guida piuttosto interessante.

Secondo le analisi emerse dall’approfondimento soppesato di vari indici, intesi a livello statistico, pare manifestarsi un ribaltamento rispetto alla situazione che abbiamo vissuto durante la stagione invernale. In altre parole, la primavera in Italia potrebbe risultare spesso instabile con un numero di giorni piovosi superiori alla media, soprattutto nella prima parte. Le precipitazioni saranno più probabili sulle regioni settentrionali e su quelle centro-meridionali tirreniche.

Le temperature si dovrebbero mantenere su valori di poco superiori alle medie del periodo con un sopra media maggiore sulle regioni meridionali, su quelle del medio  versante adriatico e sulla Sicilia. Nella prima parte di stagione ci sarà un maggior passaggio di perturbazioni di origine nord-atlantica, mentre nella seconda parte la rimonta dell’anticiclone da ovest potrebbe recare una fenomenologia più irregolare e contraddistinta dalla tipica instabilità dovuta a probabili infiltrazioni di aria fresca dai quadranti settentrionali.

Questo che vi ho appena proposto è il riassunto dell’elaborato, che potrete trovare in versione integrale, video compreso, a questo indirizzo.

Report Luca Angelini 

Come potrebbe essere la primavera secondo Francesco Nucera (3B Meteo)