8 December 2019

Domenica da incubo: alluvione a Reggio Calabria, Piemonte e Liguria devastate, neve record in montagna

La cronaca meteo delle ultime ore è un vero e proprio bollettino di guerra. Tutto il nostro Paese, da nord a sud, si trova alle prese con un’ondata di maltempo di vasta portata che sta recando una fenomenologia in alcuni casi estrema.

REGGIO CALABRIA: nella notte un violento nubifragio si è abbattuto sullo Stretto di Messina. Reggio Calabria ne è uscita alluvionata, come ci mostra l’immagine in alto. A fronte di accumuli piovosi rilevanti, ma non record, la città dello Stretto ha subito soprattutto le conseguenze dell’incuria del territorio, in particolare la mala gestione dei rifiuti che, abbandonati da settimane in mezzo alle strade, hanno ostruito lo smaltimento delle acque piovane.

Rimane critica la situazione nelle regioni di nord-ovest, in particolare Piemonte e Liguria.

PIEMONTE: a Torino il fiume Po ha raggiunto i livelli di guardia, mentre a monte e a valle si registrano già esondazioni parziale e allagamenti nelle aree golenali. Invaso dall’acqua il comune di Cardè nel Parco del Po Cuneese. Nell’Alessandrino è esondato il fiume Belbo; sono circa 200 le persone evacuate tra Acqui Terme, Cremolino, Ovada, Prasco, Alessandria, Gavi, Orsara Bormida, Terzo d’Acqui, Visone, Pareto, Montechiaro d’Acqui. C’è anche un disperso. Anche il Lago Maggiore sta raggiungendo il livello di piena. Crollato un viadotto sull’Autostrada Torino-Savona all’altezza di Altare.

LIGURIA: seconda giornata di allerta rossa, con frane e allagamenti che si segnalano in diverse zone del territorio. Nell’Imperiese situazione critica a Pieve di Teco, con parte dell’abitato isolato. Smottamenti registrati in località Garibbe, di Vallecrosia, e al confine tra Seborga e Vallebona, così come a Baiardo e Badalucco. Osservato speciale il torrente Argentina. Nel Savonese si registra una situazione difficile ad Albisola Superiore dove il rio Basco è esondato nei pressi del ponte medievale e in altri punti. Ci sono sfollati. Evacuate altre 23 persone a causa delle frane, 9 a Sant’Olcese e 14 tra Altare a Mallare. In via precauzionale è stata chiusa l’autostrada tra Varazze e Arenzano in direzione di Genova e del tratto tra Albisola e Savona verso Ventimiglia. Danni notevoli anche per le mareggiate, in particolare ad Alassio, dove nella notte l’acqua ha invaso il lungomare, e a Vado Ligure, dove le onde hanno distrutto un tratto della passeggiata a mare. In città, sia a Savona che a Genova, la situazione sta lentamente migliorando.

NEVE RECORD: nevica incessantemente sull’intero arco delle Alpi occidentali. Gli accumuli più elevati nel comparto delle Marittime, dove i fiocchi a tratti sono scesi ancora fin verso i 1.000 metri. Qui sotto la situazione neve in località Bersezio nel Cuneese (fonte: meteo Piemonte).

Luca Angelini

Powered by Siteground