18 February 2019

Domenica instabile al centro-sud, la sera peggiora in Sardegna

Ricordate quel vortice che avevamo individuato qualche giorno fa in Atlantico e che avevamo previsto raggiungere i nostri mari meridionali tra la sera di domenica 20 e la giornata di lunedì 21 gennaio? Ebbene il suo arrivo è stato confermato dalle ultimissime elaborazioni numeriche. La nuova figura si inserirà entro la blanda circolazione depressionaria già attiva in loco e inizierà a richiamare aria fredda dalla regione balcanica, soprattutto in direzione delle nostre regioni centro-settentrionali e in particolare nella giornata di lunedì.

Ma qui vogliamo parlare della domenica, che vedrà transitare sulle nostre regioni centro-meridionali un modesto corpo nuvoloso che sarà comunque in grado di dispensare su queste zone qualche precipitazione a carattere sparso. La quota neve si attesterà mediamente entro una forbice che comprende i 700-800 metri dell’Appennino centrale e i 1.000-1.200 metri di quello meridionale. Al nord non avremo invece precipitazioni ma il sole si spartirà il cielo con frequenti annuvolamenti, che tenderanno invece a concedere ampie aperture tra pomeriggio e sera sulla regione alpina.

Nella seconda parte della giornata attenuazione dei fenomeni al sud, tendenza a peggioramento invece sulla Sardegna dove dalla tarda serata inizieranno le prime piogge, con nevicate in montagna a partire da 900-1.000 metri. In contemporanea si assisterà anche ad un vistoso rinforzo del vento tra est e nord-est su Liguria, Toscana e sull‘Isola.

Lunedì 21 nuova accentuazione dell’instabilità su tutto il centro-sud con ulteriore rinforzo del vento. Le temperature sono previste invece diminuire soprattutto al nord.

Luca Angelini