21 August 2018

Dove va il GELO? Guardate cosa vuol dire avere ad ovest un continente

Spesso salgono alla ribalta delle cronache le intense bufere di neve che discendono dalla regione artica andando ad investire la costa est degli Stati Uniti, mentre si parla molto meno ( e a torto) di quanto avviene su altri Paesi dove l’inverno estremo la fa veramente da protagonista: i settori orientali del continente asiatico, la Cina e il Giappone.

Pensate ad esempio che, durante l’inverno, la parte settentrionale dell’arcipelago giapponese risente di un clima glaciale, perchè interessato da un vero e proprio monsone in uscita dalla Siberia e dalla Mongolia in direzione soprattutto del comparto giapponese settentrionale.

Tanto per avere un termine di paragone, l’isola di Hokkaido si trova a 45° di latitudine, la stessa di Milano, ma a gennaio sfoggia una media climatologica da brivido, ben -10°C, contro i +5°C del capoluogo lombardo. In proporzione fa più freddo anche a sud, basti pensare che, sempre a gennaio, la capitale Tokyo (stessa latitudine di La Valletta, Malta), ha una media climatologica pari a +1°C di temperatura minima notturna e +10°C di temperatura massima diurna, mentre La Valletta fa registrare +9°C di minima e +15°C di massima.

Perchè tutto questo? Clima mediterraneo a parte, una spiegazione immediata ce la fornisce l’immagine satellitare sopra evidenziata (clik per aprirla); osservate il fiume di aria gelida che dall’altopiano mongolo, dove si viaggia tra -25°C e -30°C si porta verso il Giappone e, dopo aver attraversato circa 300-400 chilometri di mare, giunge a destinazione riducendo il carico gelido a 4-5 gradi sotto zero, ma guadagnando umidità sufficiente a portare copiose nevicate.

Dunque, costa est degli Stati Uniti e Asia orientale sono favorite dalle incursioni di aria gelida proprio perchè si trovano a valle del flusso portante occidentale, laddove questo vi trasporta l’aria gelida prelevata sul continente. Ben diversa la situazione sui settori occidentali dei continenti, basti pensare alla costa ovest degli Stati Uniti e alla stessa Europa occidentale (ma il discorso, pur in misura ridotta, vale anche per l’Australia nell’altro emisfero), che si trovano sempre a valle del flusso portante occidentale, ma in questo caso laddove viene trasportata aria marittima, la quale provvede a mitigare il clima rendendo i rispettivi inverni, a parità di latitudine, ben diversi.

Luca Angelini

Dove va il GELO? Guardate cosa vuol dire avere ad ovest un continente