7 August 2020

E’ estate ma sono i giorni più lontani dal Sole

Tra le date astronomiche che assumono importanza anche per questioni climatiche, spiccano senz’altro i giorni dei solstizi, che rappresentano la massima elevazione (estate) o declinazione (inverno) del Sole sull’orizzonte, quelli degli equinozi, quando si ha la stessa durata del giorno e della notte (equinozio di autunno e di primavera).

Un’altro appuntamento che si verifica due volte l’anno, ma che passa un po’ più tra le righe, è quello dell’afelio e il suo opposto, del perielio. Se solstizi ed equinozi rappresentano l’inclinazione dell’asse terrestre sul piano dell’eclittica, afelio e perielio indicano rispettivamente la massima e la minima distanza tra la Terra e il Sole.

Come possono Sole e Terra avvicinarsi ed allontanarsi e di che distanza stiamo parlando? Tutto nasce dal fatto che l’orbita che la Terra compie nel moto di rivoluzione (quello che dura 1 anno per intenderci) attorno al Sole non è circolare ma ellittica, con il Sole che occupa uno dei due fuochi. La Terra pertanto percorrerà un’orbita decentrata rispetto al centro dell’ellisse e quindi si troverà ad un certo giorno dell’anno ad una distanza massima (afelio) e ad una distanza minima (perielio).

L’afelio quest’anno si è verificato alle ore 13.34 del 4 luglio (ora italiana), quando è stata raggiunta la massima distanza annuale della terra dal Sole, pari a poco più di 152 milioni di km e precisamente: 152.095.289 km. Questa distanza è di circa 5 milioni di km in più rispetto a quella raggiunta nel perielio avvenuto il 5 gennaio scorso alle ore 08.47, quando la distanza della Terra dal Sole era stata pari a 147.098.074 milioni di chilometri.

Curioso notare che lo scarto di energia ricevuto dalla Terra tra afelio e perielio è soltanto del 6,9% e non comporta conseguenze sull’andamento climatico, dato che è l’inclinazione dell’asse terrestre (23.4 gradi rispetto al piano dell’eclittica) a determinare l’avvicendarsi delle stagioni. E infatti a luglio nel nostro emisfero è estate e fa caldo, nonostante la maggior distanza annuale tra la Terra e il Sole, contrariamente a gennaio, mese in cui siamo più vicini ma con le temperature più basse dell’anno.

Luca Angelini

Powered by Siteground

6 luglio, il giorno dell’AFELIO massima distanza Terra-Sole

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.