3 June 2020

ESTATE estrema? Non ci credete, nessuno lo può sapere

Fermi tutti, questa è una rapina! Il gesto è diverso ma la tecnica fondamentalmente è la stessa: insistere a divulgare oscenità meteo-climatiche per esclusivo tornaconto economico significa prendere in giro la gente e gli sponsor, ovvero coloro i quali permettono ai siti web di mantenersi attivi. La voce dei violentatori della meteo, dei giustizieri del web si alza sempre più alta e solitamente chi grida di più è colui che ha ragione di meno. Ma  prima o poi la voce finisce e la gente scapperà.

meteo bufaleFatto sta che, dalla mia modesta ma onesta posizione, mi sento in dovere ancora una volta dal mettere in guardia quanto più persone possibili riguardo questi aberranti comunicati, (parlare di notizie sarebbe troppo) che di informazione c’entrano come le cozze a colazione.

Estate con 47 gradi? Caldo africano per tre mesi di fila? Non ci credete. Si tratta solo di parole chiave, si tratta solo di concetti ad effetto senza fondamento, di frasi fatte a misura di click. Le tecniche di marketing utilizzate in queste poche righe di disinformazione sono le più disparate, tutte volte ad auto-convincere la gente la quale, ai primi caldi (normali), dell’estate confermerà mentalmente. Il metodo è detto subliminale, ossia con procedimento al di fuori della coscienza, della volontà. In pratica non sono io che ti convinco, ma sei tu che ti auto-convinci.

Niente paura dunque: arriverà l’estate e arriverà anche il caldo. I 47 gradi lasciamoli a remoti deserti, il fuoco non è un fenomeno meteorologico. Noi parliamo e parleremo solo di pioggia e di sole, di nuvole e di vento. Anche l’anomalia fa parte del gioco, ma l’allarmismo bieco e cielo quello no, e per questo lo lasciamo volentieri a chi, come professione, può vantare solo quella di “ciarlatano”.

Luca Angelini

Powered by Siteground

ESTATE di fuoco? Non ci credete, è una BUFALA

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.