Ex-uragano Leslie: landfall sul Portogallo, vento fino a 200 km/h

Un ex-uragano a due passi da casa.

Ricorderete certamente la figura sinistra di Leslie, che ha vagato da giorni per le acque dell’Atlantico, rimasto orfano della circolazione tropicale, ma ancora “non accettato” da quella delle medie latitudini.

Ebbene, proprio questo passaggio sta avvevendo ora, mentre stiamo scrivendo. L’ex ciclone tropicale è stato agganciato dal fiume d’aria che modula il tempo delle medie latitudini e ha potuto così sbloccarrsi e procedere verso levante. Una mano determinante gli è stata data dalla provvidenziale discesa di una vasta e profonda saccatura nord-atlantica, facente capo alla circolazione polare.

Tutta un’altra aria dunque che ora si è fatta carico di prendersi cura di Leslie, con il risultato di un landFall (passaggio dal’oceano alla terraferma) di tutto rispetto, niente di meno che sulla vicina penisola Iberica. Le coste più esposte sono quelle portoghesi, dove sono previsti venti di velocità anche superiori a 200 km/h e onde oceaniche fino a 6-7 metri.

Conseguenze sul tempo di casa nostra?

Per ora nessuna, dato che il vortice verrà stoppato “allegramente” da un blocco anticiclonico attivo sull’Europa orientale. Solo la successiva pulsazione atlantica legata alla circolazione polare riuscirà a forzare in parte questo blocco e a spingere nubi e qualche pioggia (senza alcuna pretesa) anche sull’Italia tra lunedì 15 e martedì 16, proprio come abbiamo approfondito nel nostro ultimo VIDEO.

Ma nel frattempo le correnti atlantiche avranno assunto il comando delle operazioni, dissolvendo Leslie e proponendo l’ingresso di aria variamente umida verso il Mediterraneo, con il risultato sull’Italia di una settimana di tempo nel complesso variabile. Sarà l’argomento del nostro prossimo approfondimento.

Luca Angelini

Ex-uragano Leslie: landfall sul Portogallo, vento fino a 200 km/h