30 November 2020

Febbraio 2017 nel mondo, un altro mese tra i più miti di sempre

Una premessa: quel “ di sempre” del titolo va inteso come “dall’inizio delle rilevazioni strumentali”, ossia dal 1880.

Dopo aver spiegato che il freddo del gennaio scorso su parte dell’Europa ( e dell’Italia) è stato l’unico episodio di temperature sotto media in atto su tutto il Pianeta, e che quindi gennaio nel mondo è stato comunque più mite della norma, arrivano i primi dati relativi a febbraio 2017.

Non sarete di certo sorpresi se vi dico che anche febbraio si è comportato in perfetta sintonia con i mesi che l’hanno preceduto, ossia sviscerando ancora una volta temperature al di sopra della media climatica del trentennio di riferimento WMO 1951-1980.  Volendo approfondire un po’ di più il dato emerge che febbraio non è stato solo uno dei tanti mesi messi in fila più mite della norma, ma addirittura il secondo più mite tra tutti i mesi di febbraio dal 1880 ad oggi.

Volendo approfondire ancor più – vedete come siamo pignoli in fatto di corretta informazione – possiamo aggiungere che il primo mese di febbraio nella classifica dei più miti dall’inizio delle rilevazioni (sempre dal 1880) è stato quello del 2016, ossia quello dell’anno scorso. Un filo quasi invisibile separa i due mesi, che vanno dai +1.3°C a livello globale (planetario) del febbraio 2016 ai +1.1°C del febbraio 2017.

Un trend talmente assodato, che ormai lo si sente addirittura “a pelle”, senza bisogno di riprove strumentali.

Su questo hanno certamente pesato anche le mancate incursioni artiche a carico del nord America e del Giappone, un tempo in guerra tra loro ma ora unite anche in una anomalia climatica “globalizzata” quasi eccezionale, che sfoggia sui due Paesi transoceanici uno scarto di oltre 4°C rispetto alla media di un febbraio normale. Da notare infine che la bolla fredda che a gennaio era centrata sull’Europa, a febbraio si è spostata verso il Medio Oriente.

Luca Angelini 

Febbraio 2017 nel mondo, un altro mese tra i più miti di sempre