28 November 2020

Febbraio si concluderà con poca pioggia, poi marzo potrebbe rifarsi

Una osservazione sull’andamento delle piogge nei prossimi giorni. Grazie alle analisi probabilistiche condotte con tecnica d’ensemble, possiamo ritenere probabile che l’ultimo scorcio di febbraio possa trascorrere con precipitazioni complessivamente al di sotto della media climatica su gran parte dell’Italia.

Attenzione, questo non vuol dire automaticamente che da qui alla fine di febbraio non pioverà, e infatti proprio nei prossimi giorni è previsto il passaggio di una veloce perturbazione, ma solo che gli apporti piovosi nel loro complesso saranno inferiori alla media. Una situazione che vedrà l’Italia in nutrita compagnia, considerato che tutta l’area mediterranea si troverà nella medesima situazione.

A tal proposito possiamo esaminare la cartina esposta qui sopra (click per aprirla) per avere un colpo d’occhio complessivo di quanto si prospetta tra il 22 febbraio e il primo marzo. I dati sono espressi in percentuale rispetto alle normali precipitazioni del periodo.

Una situazione che, sempre alla luce di quanto calcolato dai elaboratori, potrebbe invece cambiare nel mese di marzo, almeno nella prima parte del mese, quando risulterebbe probabile una fase decisamente più piovosa e oltretutto anche con temperature che tenderanno a riportarsi (seppur faticosamente) intorno ai valori medi del periodo o solo di poco superiori.

Non ci rimane che tenere presente quanto abbiamo anticipato e procedere poi di giorno in giorno con le relative conferme.

Luca Angelini

Febbraio si concluderà con poca pioggia, poi marzo potrebbe rifarsi