18 October 2017

Fenomeni estremi e cambiamenti climatici, ecco la prova del nove

I fenomeni meteorologici estremi che si osservano sempre più frequentemente sono effettivamente collegati ai cambiamenti del clima? Un gruppo di scienziati americani e cinesi, utilizzando i dati meteorologici satellitari raccolti da quando sono iniziate le osservazioni globali da piattaforma (dal 1979), ha analizzato il “budget” di energia e le trasformazioni energetiche che sono avvenute nell’atmosfera globale negli ultimi 35 anni (1979-2013).

Per le loro analisi e valutazioni, i ricercatori hanno utilizzato le leggi della fisica sulla conservazione dell’energia, e in particolare le equazioni di Lorenz che descrivono il ciclo energetico e le trasformazioni energetiche dell’atmosfera globale, al fine di capire come sia cambiato l’equilibrio energetico del nostro sistema planetario e quali variazioni di energia sono avvenute nel bilancio energetico globale.

I risultati mostrano che l’energia meccanica di base in atmosfera (media globale) è rimasta complessivamente quasi costante, mentre è aumentata l’energia potenziale globale e di conseguenza sono aumentati anche i processi di conversione tra energia potenziale ed energia cinetica così come sono aumentati i processi di dissipazione energetica.

Da annotare, in questa ricerca, che l’aumento complessivo di energia che ha acquistato il sistema planetario globale risulta maggiore nell’emisfero sud piuttosto che nell’emisfero nord, e questo è facilmente spiegabile perché nell’emisfero sud esiste un serbatoio più grande di accumulo di energia, serbatoio costituito dagli oceani (la cui presenza nell’emisfero sud è maggiore che nell’emisfero nord).

Da osservare inoltre che il maggior contenuto energetico dell’atmosfera globale ha favorito una maggiore efficienza energetica nei processi di trasferimento energetico e di conversione dell’energia. Ma nel caso dell’atmosfera una maggiore efficienza energetica non è una buona notizia, perché proprio questa maggiore efficienza energetiche è la causa primaria dell’estremizzazione dei fenomeni meteorologici.

Fonte diretta dello studio (in lingua inglese): http://www.nature.com/articles/ncomms14367

Prof. Vincenzo Ferrara

Fenomeni estremi e cambiamenti climatici, ecco la prova del nove