12 December 2019

Fenomeni estremi in aumento? Ecco tutta la verità

1Cambiamenti climatici ed eventi estremi: qual’è il nesso? Gli eventi estremi stanno davvero aumentando in proporzione alle temperature del Pianeta? La percezione collettiva è quella tuttavia l’approccio scientifico, pur confermando in parte le nostre percezioni, non corre proprio parallelo. Non è tanto la correlazione matematica tra cambiamenti climatici ed aumento dei disastri, quanto una modifica a livello statistico della distribuzione temporale dei fenomeni . Cosa significa tutto ciò?

I cambiamenti climatici hanno apportato l’impatto più rilevante a carico dell’oceano Artico, dove la banchisa glaciale ha subito evidenti arretramenti, lasciando sempre più spazio alle acque dell’oceano: dove prima c’era una superficie bianca che rifletteva quasi completamente la luce solare (effetto albedo 85%), ora c’è la superficie dell’oceano che ne assorbe il 93%, riscaldandosi e riscaldando l’aria circostante (effetto albedo 3%).

Ma un cambiamento iniziale in un sistema climatico, indotto da una forzante esterna, dà inizio ad una catena di eventi che amplificano il cambiamento iniziale stesso. Ciò significa che l’aumento di temperatura non viene solo da cause esterne: la fusione ora diventa a sua volta una causa per il cambiamento di temperatura, che viene indotta ad aumentare ulteriormente: si parla di feedback positivo. Il fenomeno prende il nome di “amplificazione artica“.

Ed eccoci al punto: per il fenomeno dell’amplificazione artica negli ultimi anni è andato diminuendo il delta (la differenza) di temperatura tra l’Artico e le medie latitudini. Ne consegue un rallentamento della velocità media del Getto Polare, ossia di quella cintura di vento che scorre ad alta quota col compito di riequilibrare proprio questo delta termico, con proporzionale amplificazione delle onde planetarie (alte e basse pressioni) a discapito della loro lunghezza.

Ma alte e basse pressioni che rallentano significa che le condizioni atmosferiche ad esse associate tendono a persistere sulle stesse zone per periodi più lunghi (mutamento dei regimi di persistenza). Ecco che lunghi periodi piovosi si alternano ad altrettanto lunghi periodi anticiclonici. Ecco che lunghi periodi più caldi della norma si alternano a periodi più freddi della norma( questi ultimi complessivamente meno frequenti).

Questo nuovo assetto atmosferico,e qui rispondiamo al nostro quesito iniziale, aumenta pertanto il rischio di fenomeni estremi, non tanto per intensità, quanto per la persistenza sui medesimi luoghi per diversi giorni o addirittura settimane. Un nuovo assetto meteo-climatico che implica una presa di coscienza da parte di chi gestisce il territorio. La consapevolezza di doversi adattare sarebbe già un primo passo per dovere temere l’evento estremo ad ogni cambiamento del tempo.

Luca Angelini

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.