24 November 2020

Fermi tutti, arriva l’AUTUNNO (astronomico)

Bye bye estate. Il traguardo dell’autunno astronomico compendia quello dell’autunno meteorologico, partito lo scorso primo di settembre, mentre l’autunno climatico funziona ancora a corrente alternata.

“Aequus nox”, sentenziavano gli antichi Romani, sempre attenti a quanto accadeva nei larghi orizzonti del loro vasto Impero. “Notte uguale” rispondiamo noi oggi che nel nostro piccolo abbiamo mantenuto quell’attenzione doverosa verso questa Natura in perenne evoluzione. Il passaggio astronomico che archivia definitivamente l’estate e introduce l’autunno vede il Sole scendere sotto l’equatore celeste in un punto corrispondente ben preciso noto come “Punto della Bilancia”.

Per il fenomeno della precessione degli equinozi in realtà il Sole non è passato per la costellazione della Bilancia ma per quella della Vergine. Nel giorno dell’equinozio (vale naturalmente anche per il corrispondente primaverile che cade il 20-21 marzo) il Sole sorge esattamente ad est e tramonta esattamente ad ovest, infatti la linea di demarcazione fra luce e buio, passa proprio per i due poli geografici terrestri.

Per questo motivo il giorno e la notte hanno uguale durata di 12 ore e il Sole si trova allo zenith sull’equatore, mentre in ogni altro luogo della superficie terrestre raggiunge un’altezza sopra l’orizzonte pari alla differenza tra 90° e la rispettiva latitudine. Nel caso di Milano (90° – 44°72′) = 45°28′. L’equinozio dunque è da intendersi non come una intera giornata ma come un istante ben preciso. Questo istante scatta oggi, giovedì 22 settembre alle ore 16.21 (ora italiana). Nel periodo immediatamente successivo all’equinozio autunnale le ore di luce diminuiranno rapidamente, tanto che perderemo fino a tre minuti al giorno.

Luca Angelini

Fermi tutti, arriva l’AUTUNNO (astronomico)

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.