23 January 2021

Fine mese: in arrivo il volto CALDO della primavera

Un argomento che avevamo solo anticipato e che ora può contare sul supporto delle nuove osservazioni è quello che tratta la fase calda in arrivo a cavallo di fine mese.

In linea generale notiamo che a scala sinottica sullo scenario euro-atlantico il flusso principale si snoda mediamente lungo i paralleli e trasporta aria variamente umida dall’oceano. Nel corso dei prossimi giorni però questo flusso si disporrà maggiormente lungo i meridiani, per lo sviluppo di una saccatura in uscita dal Canada.

Tra il 30 e il 31 marzo questa saccatura, colma di aria fredda, andrà probabilmente a posizionarsi a cavallo della penisola Iberica, con il vertice finirà per sprofondare molto più a sud, sin oltre le isole Canarie.  La spinta fredda andrà a scalzare l’aria più calda di tipo subtropicale presente su queste zone, che verrà pilotata dall’entroterra algerino verso il Mediterraneo centrale e l’Italia.

Ecco dunque la conferma di una possibile fase caratterizzata da un sensibile rialzo delle temperature, soprattutto a carico delle nostre regioni centrali, meridionali e sulle isole Maggiori, con l’isoterma di 15°C alla quota di 1.500 metri che guadagnerà gran parte del territorio. Per queste regioni potremo aspettarci senza dubbio temperature fino a 10°C sopra la media del periodo, il che a sua volta si può tradurre con valori al suolo anche sino a 25°C.

Il nord verrà interessato solo marginalmente, soprattutto i settori di nord-ovest, dove comunque il campo di temperatura si porterà al di sopra della media intorno a 2-3°C. Sulle regioni di nord-est e sull’Emilia Romagna, stante la maggior penetrazione dello Scirocco, l’aria mite riuscirà ad avere una maggior penetrazione, tale da consentire alle temperature di portarsi al di sopra della media fino a 3-4°C. I valori massimi potranno dunque portarsi al di sopra dei 20°C sia mercoledì 30 che giovedì 31 marzo.

A seguire evoluzione al momento molto incerta del vortice iberico e quindi, anche del destino dell’aria calda, che sembra comunque andare verso un generale ridimensionamento nei primissimi giorni di aprile.

Luca Angelini

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.