24 October 2020

Freddo e dintorni: e se ora l'anticiclone delle Azzorre iniziasse a dire la sua?

10 dicLa componente caotica dell’atmosfera rischia di abbagliare chi si era lasciato andare al freddo facile. Posta ormai probabile all’80% la parentesi fredda che interesserà l’Italia tra il 9 e il 10 dicembre con un profilo termico che scenderà sotto media fino a 2-3°C, dell’immediato futuro non c’è certezza se non per il fatto che le temperature sull’Italia sembrano destinate a tornare quasi subito in media, se non qualche grado sopra.

Questa l’analisi che emerge dalle medie d’ensemble, anche se un paio di cluster del modello americano, rispettivamente quello operativo e di controllo,  si sbilanciano su un secondo blocco di aria fredda in marcia verso l’Italia intorno alla metà del mese. Una probabilità al momento decisamente bassa, 7 scenari su 20 (35%), inseriti in un contesto di bassissima predicibilità, che fa scendere il nostro potenziale probabilistico a non più del 20%.

Insomma ancora una volta il freddo fatica ad arrivare sull’Italia. Questa volta sarà l’anticiclone delle Azzorre a fornire la disturbance al decollo dell’inverno serio.

spaghiQuest’ultimo scenario che vede l’alta azzorriana ergersi a sentinella dell’Europa occidentale, determina certamente un cambio di circolazione, con l’Italia che finalmente esce dal tunnel interminabile del maltempo quotidiano, ma che ancora non prende confidenza con l’inverno. L’accelerazione del flusso portante, in risposta al rinforzo della circolazione circumpolare, conferma questa possibilità.

Una possibilità che era stata menzionata anche nell’analisi climatico-statistica condotta per delineare la tendenza stagionale.

Riepilogando:

  • Si conferma l’arrivo di aria polare marittima sull’Italia tra il 9 e il 10 dicembre, con sensibile calo termico, possibilità di qualche nevicata a quote medio-basse.
  • Nello stesso contesto saranno possibili episodi favonici tra martedì 9 e mercoledì 10 sulle regioni di nord-ovest.
  • A partire dall’11 dicembre l’anticiclone delle Azzorre si estenderà verso l’Europa occidentale, deviando verso i Balcani un secondo blocco d aria fredda che avrebbe potuto interessarci intorno alla metà del mese.
  • Temperature che rientrano dunque entro la media del periodo, senza ulteriori scossoni al tempo di casa nostra.

Luca Angelini

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.