Ghiacci Groenlandia: in perdita da 25 anni consecutivi

Il 2021 è il 25° anno consecutivo in cui la piattaforma glaciale della Groenlandia ha chiuso il suo bilancio di massa in negativo. Questo vuole dire che ha perso più massa per fusione di quanta ne abbia guadagnata durante l’inverno. Lo mette in evidenza il secondo il rapporto annuale del “Polar Portal”. La prima parte dell’estate in Groenlandia, a causa di un grande anticiclone di blocco e di caldo record sulla parte occidentale del Canada e degli USA, è stata fredda e nevosa, con nevicate insolitamente forti e tardive a giugno.

Successivamente una intensa ondata di caldo alla fine di luglio ha portato ad una notevole perdita di ghiaccio. La superficie glaciale groenlandese ha concluso la stagione 2020-2021 con un bilancio netto di massa superficiale di circa 396 miliardi di tonnellate (Gt). Secondo i calcoli eseguiti dal Danish Meteorological Institute (DMI), questo rende la stagione attuale “solo” la 28ma più bassa della serie temporale degli ultimi 40 anni. Il 2021 è stato degno di nota per essere l’anno in cui le precipitazioni alla Stazione Summit, che si trova in “cima” della lastra glaciale ad un’altitudine di 3.200 metri sul livello del mare, sono state registrate sotto forma di pioggia.

Fonte dati: Polar Portal

Report Luca Angelini