30 November 2020

Giovedì 20, doppio passaggio di TEMPORALI a cavallo delle Alpi

Se il Mediterraneo è dominato dal noto anticiclone nord-africano, che trasporta aria calda anche in direzione dell’Italia,l’intero comparto atlantico e i Paesi più occidentali dell’Europa si trovano sotto l’influenza di un’area ciclonica che spinge aria fresca contro il bordo occidentale dell’anticiclone stesso. Nasce così una linea di demarcazione lungo al quale le due masse d’aia vengono a contatto, generando un fronte. Questo si pone di traverso tra il mare del Nord, la Francia e la Spagna settentrionale.

Se il grosso delle masse nuvolose legate a tale perturbazione sfileranno a nord dell’arco alpino, andando ad investire principalmente la Spagna orientale, il sud della Francia, la Svizzera, la Germania, l’Austria e la Repubblica Ceca, le correnti meridionali di richiamo al di qua delle Alpi riusciranno a raccogliere dall’afoso catino padano sufficiente umidità in direzione del versante sud-alpino.

In questo modo, anche con il determinante appoggio da parte del forte riscaldamento diurno, si porranno in essere le condizioni favorevoli allo sviluppo di ammassi nuvolosi temporaleschi anche sul nostro versante della catena montuosa. Nel corso della giornata di giovedì pertanto, ci dobbiamo attendere un peggioramento delle condizioni atmosferiche lungo l’intero comparto alpino e prealpino, con tendenza a rovesci, anche temporaleschi. Difficili ma non impossibili eventuali locali sconfinamenti sulle adiacenti zone di pianura.

Due i possibili passaggi, un primo nelle ore centrali della giornata e un secondo tra il tardo pomeriggio e la sera. La cartina allegata (click per aprirla) ci mostra in termini percentuali la probabilità di pioggia sulle zone evidenziate. Faccio notare la possibilità di fenomeni localmente intensi tra alto Piemonte e Valle d’Aosta orientale e sull’Alto Adige.

Modeste le conseguenze sulle temperature le quali, fatta eccezione per la temporanea rinfrescata dovuta alle precipitazioni, rimarranno comunque su valori al di sopra della media. Lo zero termico oscillerà mediamente tra i 3.800 metri delle Alpi occidentali e i 4.000 metri di quelle centro-orientali.

Possibile replica anche nella giornata di venerdì 21 (da confermare).

Luca Angelini

Giovedì 20, doppio passaggio di TEMPORALI a cavallo delle Alpi

Giovedì 20, una serata di TEMPORALI a cavallo delle Alpi