Godiamoci il fresco perchè nella prossima settimana…

Breve ma tosta, ricordate? L’avevamo etichettata così questa fase meteorologica contraddistinta dal transito massiccio di una saccatura colma di aria fredda polare. Bene, ora che ci siamo dentro tutti, lo possiamo ben dire che 10 gradi in meno si sentono e, in questo periodo, risultano anche gradevoli; quindi rinfrescata decisa, tosta appunto, ma ora dobbiamo arrivare ad approfondire il primo attributo: “breve“.

Stando alle ultimissime elaborazioni numeriche, anche in questo caso ci troviamo di fronte ad una conferma; l’aria fresca che ci ha raggiunti, tanto velocemente è arrivata, quanto rapidamente se ne andrà. La sua scia infatti, non farà altro che seguire il vortice che l’ha generata e che nei prossimi giorni andrà in fuga verso la regione balcanica, prima di venire riassorbita dalla circolazione polare all’altezza dell’Europa dell’est.

anomalie 19 luglioNel frattempo il vuoto lasciato ad ovest, ossia sul Mediterraneo centrale e occidentale, verrà rimpiazzato da una evidente figura anticiclonica, ben alimentata da una massa di aria calda di natura subtropicale, la quale non avrà difficoltà ad invadere anche l’Italia, pur se l’obiettivo principale sarà la penisola Iberica.

Fatto sta che anche noi dovremo tener conto di un pronto rialzo del campo delle temperature a tutte le quote, che sulle regioni settentrionali inizierà a manifestarsi già tra domenica 17 e lunedì 18, per poi completare la sua opera sul resto del nostro Paese entro il 20 luglio, ossia entro mercoledì prossimo.

Dopo questa benefica rinfrescata dunque tutto tornerà come prima, con le nostre giornate che trascorreranno con temperature al di sopra della media. Questi scarti, anche se non particolarmente vistosi (si intendono mediamente circa 3-4°C al di sopra della norma per la seconda metà di luglio), risulteranno comunque piuttosto spalmati su un periodo piuttosto lungo, probabilmente sin quasi a fine mese. Un fase calda quindi piuttosto fastidiosa da reggere sulle spalle per diversi giorni, il che non farà altro che indurci ad intraprendere il nuovo conto alla rovescia, quello verso una nuova benefica, tonificante rinfrescata.

Luca Angelini

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.