23 September 2018

I possibili rovesci di venerdì 6 luglio

Aria instabile di origine atlantica tende ad interessare l’Italia. Dopo essere transitata sulle nostre regioni settentrionali, venerdì 6 luglio tenderà ad espandersi gradualmente anche verso il resto del Paese.

Per questi motivi nell’arco della giornata potranno manifestarsi rovesci improvvisi e alcuni spunti temporaleschi, anche se non intensi e diffusi come avvenuto al settentrione giovedì. La carta esposta in figura (click per aprirla) ci mostra le aree soggette alla maggior probabilità percentuale di precipitazioni secondo i modelli numerici di nostro riferimento.

Si nota in particolare che le aree alpine, prealpine, il Triveneto, l’Emilia Romagna e l’Appennino settentrionale saranno i settori dove maggiore risulta la probabilità di rovesci. Si tratterà comunque di fenomeni sparsi e intervallati comunque ad ampi e prevalenti momenti asciutti e parzialmente soleggiati,

Si consideri che spunti temporaleschi potranno attivarsi nel corso della giornata anche su parte dell‘Appennino centrale, in particolare tra entroterra toscano, marchigiano, Umbria  e, in modo isolato tra pomeriggio e sera, su appennino abruzzese, molisano e in Sila.

Al seguito affluirà aria più fresca dai quadranti settentrionali, principalmente Maestrale, cui seguirà anche una rotazione a Bora (nord) e Tramontana (centro-sud).

Luca Angelini

I possibili rovesci di venerdì 6 luglio