28 March 2017

Il FREDDO continua, martedì qualche fiocco isolato anche al nord

Doveva essere un’ondata di freddo intensa ma di breve durata e invece man mano che la coperta di ghiaccio si stende sul continente, si rivela un osso duro da scalzare. Lo stesso vortice che si è fatto carico di rammentare a tre quarti degli Europei, Italia compresa, che l’inverno quando non manca di impegno ci sa ancora fare, non si sposterà poi molto nei prossimi tre giorni; troppo pesante per prendere iniziative e intraprendere un viaggio.

In tale contesto, con l’aria gelida che come una lama insidia il volto di chi abita le lande europee, specie quelle orientali – ma anche diverse zone dell’Italia –  basta poco affinchè una perturbazione, per quanto debole, possa portare precipitazioni solide, leggi neve. Non lo dobbiamo certo dire agli amici Adriatici, che di neve ne han fatto riserva per molto e molto tempo, ma a coloro che la neve ancora l’aspettano, considerando che siamo a inizio gennaio.

Tutto questo giro di parole per osservare che l’azione congiunta di un rinculo (non è una parolaccia) da parte del vortice freddo suddetto e il messaggio dell’Atlantico che inizia a passare sulle ceneri del vecchio coriaceo anticiclone, potrebbe servirsi di quella debole perturbazione indicata con il numero 1 sulla carta in alto (click per aprirla), per portare qualche fiocco svolazzante nella giornata di martedì 10 sulle nostre regioni settentrionali.

Poca cosa intendiamoci, qualche fiocco coreografico isolato nulla più, comunque possibile, partendo dalla Romagna poi, sotto il nuovo rinforzo di vento gelidi orientali, procedendo a ritrovo verso le regioni di nord-ovest per finire a sbattere contro l’arco delle Alpi occidentali e quindi con qualche probabilità in più su Piemonte, Liguria e ovest Lombardia (vedi mappa orientativa qui sopra) e fascia prealpina. Insomma si conferma quel dato sensibile e delicato che vi avevo anticipato in questo editoriale, delicato perchè in questo caso non si parla ne di metri e nemmeno di centimetri ma solo di spolverate isolate molto difficili da collocare nello spazio e nel tempo.

Poi non finirà qui, visto il prossimo passo sarà il traguardo della metà del mese, allorquando ci aspettiamo le novità raccontate nell’ultimo video, un disegno che anche oggi (domenica 8) ha mantenuto la sua linea senza la solita antipatica retromarcia dell’ultimo minuto.

Luca Angelini

Il FREDDO continua, martedì qualche fiocco isolato anche al nord