10 April 2021

.

Il ritorno dell'ALTA PRESSIONE incombe sugli esordi di dicembre

ensLe analisi probabilistiche, quelle che contano quando si vuole individuare una possibile linea di tendenza a lungo termine, lasciano poco spazio ai dubbi. La prima settimana di dicembre, che corrisponde all’esordio dell’inverno meteorologico, molto probabilmente trascorrerà sotto un vasto cupolone anticiclonico.

I passi che potrebbero inscenare l’ennesima anomalia meteo-climatica di queste ultime settimane saranno i seguenti.

27-28 novembre: innalzamento dell’anticiclone atlantico verso il Baltico con distacco di un vortice ciclonico sul nostro meridione.

29-30 novembre: ripartenza del flusso portante in uscita dal Canada con erosione dell’alta pressione atlantica e successivo inserimento di una saccatura sull’Europa centro-settentrionale.

1-3 dicembre: nascita e approfondimento di una nuova saccatura su Labrador e Groenlandia e richiamo dell’anticiclone dal nord Africa verso il Mediterraneo centrale e l’Italia.

Le conseguenze? Se quanto descritto andrà effettivamente in porto, nella prima settimana di dicembre assisteremo ad un nuovo periodo caratterizzato da tempo stabile e soleggiato, con temperature al di sopra della norma, soprattutto in montagna e sui colli. Qualche grado in meno sulle pianure per possibili strati nebbiosi notturni e cattiva qualità dell’aria, specie nei grandi centri urbani.

Da notare il protrarsi dell’assenza di precipitazioni sulle regioni di nord-ovest, con allargamento della forbice di anomalia, e non solo in pianura, ma anche in montagna, dove spicca la quasi totale assenza di copertura nevosa.

Luca Angelini

 

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.