22 October 2020

Il TEMPO del weekend e la tendenza successiva

I protagonisti del tempo sulla scena europea e mediterranea sono al momento essenzialmente due: il primo è un campo anticiclonico di matrice subtropicale, che monta dal nord Africa occupando gran parte del Mediterraneo e la porzione orientale dell’Europa fino alla Turchia. Il secondo è un canale di bassa pressione esteso dall’area scandinava fin sul vicino Atlantico, dove si pone un minimo di pressione quasi stazionario.

Tra le due strutture atmosferiche, anche per via di un nuovo impulso freddo dall’Artico scandinavo verso le Isole Britanniche, si genera una linea di contatto lungo la quale vanno a svilupparsi corpi nuvolosi pilotati da correnti variamente umide dai quadranti di sud-ovest. Queste correnti risulteranno determinanti nel prossimi giorni (ma fin da subito a dire il vero) per il tempo sulle nostre regioni alpine, dove si avranno condizioni di moderata instabilità, con passaggi nuvolosi anche accompagnati da brevi rovesci. Domenica non si esclude la possibilità anche di temporali sparsi, specie nel pomeriggio.

Il resto del Paese sarà interessato invece dal cuneo anticiclonico nord-africano che si renderà particolarmente aggressivo al centro, al sud e sulle Isole Maggiori, dove previsioni 16 aprilepartirà una nuova fase calda (l’ennesima di questo periodo) culminante a metà della prossima settimana con valori davvero anomali per la stagione. Per approfondire l’argomento vi invito a visionare questo articolo dedicato.

Dunque per ricapitolare: prevalenza di sole nel weekend sull’Italia, a parte qualche temporaneo passaggio nuvoloso di poco conto, ma con l’eccezione dell’arco alpino e, domenica, anche delle zone padane pedemontane, dove potrà sconfinare qualche temporale pomeridiano. Temperature ovunque più elevate della norma, al nord di qualche grado, al centro sud di diversi gradi. Ventilazione piuttosto attiva dai quadranti meridionali, soprattutto nella giornata di sabato.

Nel video che vi propongo in allegato vi racconto poi quale potrebbe essere il passo successivo a questa situazione di evidente blocco atmosferico. Buona visione.

Luca Angelini

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.