18 February 2019

Il TEMPO e il CLIMA: come andare oltre i luoghi comuni

Un errore molto frequente che spesso aleggia nell’immaginario comune è quello di creare un improbabile legame tra il tempo di casa nostra e il clima del mondo intero. Per prima cosa, sarà bene ricordare che il tempo meteorologico è quello che c’è adesso, magari sulla nostra città, il clima è il tempo che c’è stato almeno negli ultimi 30 anni su vaste porzioni di territorio, magari a scala nazionale o continentale.

Questa asincronia tra grandezze spazio-temporali diverse è all’origine di un equivoco, e siamo al secondo punto: “Nevica in Egitto, quindi il global warming non esiste”. Errore. Se oggi ha nevicato in Egitto, ma nello stesso tempo in Portogallo c’erano 20 gradi, per il pianeta ha fatto pari. Dunque ricordiamocelo sempre: la citazione di singoli eventi meteorologici non dimostra mai nulla da punto di vista climatico.

Quello che è cambiato quindi non è il tempo, ma il clima. In ambito climatico  sono cambiati soprattutto i regimi di persistenza. La modifica della calotta polare, con meno ghiaccio e più neve, ha a sua volta modificato la distribuzione termica di mari e oceani. La modifica dell’innevamento continentale ha modificato l’assetto e la distribuzione delle masse d’aria fredda lungo l’emisfero.

Si sono modificati gli assetti delle correnti oceaniche e il loro impatto sul trasporto di umidità e calore. Trattasi di modifiche millesimali, non percepibili umanamente, ma enormi dal punto di vista dei bilanci energetici in gioco. Gli equilibri assunti dei grandi centri di pressione rimangono stazionari per più tempo e causano lunghi periodi caratterizzati da condizioni meteorologiche pressochè uguali.

E qui il cerchio si chiude: il clima che cambia è diverso dal tempo che cambia. Il tempo può cambiare ogni ora, ogni giorno, il clima di solito cambia ogni centinaio o migliaio di anni. Se cambia il tempo avremo tutto il tempo (guardate che giro di parole) di tirar dentro i panni, di rimandare una gita, ma se è il clima a cambiare tanto velocemente, avremmo mai tempo sufficiente per metterci al riparo?

Luca Angelini

Il TEMPO e il CLIMA: come andare oltre i luoghi comuni

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.