20 October 2020

Inquinamento, come siamo messi? E i prossimi giorni?

Ovviamente adesso siamo messi male, ma nei prossimi giorni andrà un po’ meglio. Come tutti ben sappiamo, la presenza sregolata di una cappa anticiclonica persistente ha causato un notevole e continuo accumulo delle sostanze inquinanti nell’aria.

Ricordiamo che durante la stagione invernale, la stratificazione stabile dell’aria, anche a causa dell’inversione termica che si attua in condizioni di vento debole o assente tipico delle situazioni anticicloniche, sfavorisce il rimescolamento dei bassi strati e favorisce quindi l’accumulo degli inquinanti emessi dalle svariate attività umane.

Come siamo messi lo vediamo dalla cartina esposta qui sopra (clic per aprirla) e ancor meglio, nella pagina dedicata: la situazione è pesante e non solo sulla valle Padana, che notoriamente soffre in modo marcato per la sua conformazione geografica “a catino”, ma anche su molte altre zone d’Italia.

La situazione rimarrà stabile ancora per 24-26 ore, poi dal weekend l’inserimento di un vortice ciclonico con rinforzo dei venti e probabili precipitazioni, darà una bella ripulita all’aria e… anche ai nostri polmoni.

Luca Angelini

Powered by Siteground