Inverni d’altri tempi: quando a febbraio ghiacciò la Laguna Veneta

Correva l’anno 1929 quando, durante un periodo storico particolarmente duro, l’Italia fu investita da una tra le più intense ondate di gelo del secolo. L’apice del freddo avvolse le nostre città nei primi giorni del mese di febbraio, condito anche da nevicate a intermittenza. Furono giorni talmente gelidi che ghiacciò persino la Laguna Veneta. A Venezia la temperatura scese fino a -12°C, mentre nell’entroterra padovano si arrivò a -16°C.

I canali diventarono strade di ghiaccio da attraversare a piedi e le barche rimasero intrappolate nella coltre bianca, come cristallizzate. La Laguna Veneta non è insolita a questo fenomeno: dato che episodi di ghiaccio recenti si ricordano anche nel 1956, 1985 e nel 2012. In quei luoghi il mese di febbraio del 1929 rimase nella memoria storica come “l’anno del giasso”, (l’anno del ghiaccio), probabilmente il più freddo che si ricordi da quelle parti.

Grazie a Gianluigi Bertola per le testimonianze.

Report Luca Angelini