25 January 2021

INVERNO: il tempo stringe, individuiamo le ultime possibilità (video)

vpsIl mutamento degli schemi meteorologici, come conseguenza del repentino cambiamento dell’assetto climatico a scala emisferica (ma sarebbe più corretto dire “a scala mondiale”), ha causato una contrazione del vortice polare. L’aria fredda ivi contenuta rimane in pratica arretrata di qualche centinaio di chilometri verso nord rispetto a quanto avveniva 20-30 anni fa e per questo motivo, la stagione invernale ha perso la sua continuità e vive ormai di episodi.

Ora, considerato che le elaborazioni numeriche danno quasi per scontata una stasi nell’assetto barico dei bassi strati sin oltre la fine di gennaio, possiamo trarre qualche spunto prognostico a lunga scadenza salendo di quota e andando ad analizzare la struttura e l’evoluzione proprio del vortice polare, ma della sua parte più alta, quella stratosferica. Perchè questo? Perchè in questo periodo dell’anno le vicende che partono dalla stratosfera polare possono aver voce in capitolo nello sbloccare la stasi che insiste da mesi nei bassi strati.

Cosa sta accadendo allora lassù? Ve lo racconto in questo video dedicato. Buona visione.

Luca Angelini

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.