29 October 2020

ITCZ bassa, un punto a sfavore degli anticicloni nord-africani

ITCZ, cosa significa questa sigla? Significa Linea di Convergenza Intertropicale e rappresenta in sostanza l’equatore meteorologico, ossia la fascia posta in prossimità dell’Equatore, dove vanno a convergere le correnti (venti semi-costanti detti Alisei) provenienti dai due emisferi. Lungo questa linea si ergono i temporali più imponenti del mondo.

Ebbene, per motivi legati alla forzante prodotta dal Monsone del Golfo di Guinea, questa linea temporalesca, in prossimità dell’Africa occidentale, viene forzata e può spostarsi più o meno in latitudine, inducendo a sua volta la fascia anticiclonica subtropicale, posta immediatamente a nord, a spostarsi invadendo il Mediterraneo oppure a ritirarsi rientrando in corrispondenza del deserto del Sahara.

Ora, osservando la situazione attuale, si nota che l’ITCZ è posta decisamente più a sud della sua normale collocazione in questo periodo dell’anno. Questo ci induce a ritenere che la fascia anticiclonica subtropicale con radice nord-africana possa incontrare difficoltà a spostarsi verso il Mediterraneo. In altre parole, finchè la sua posizione rimarrà bassa (in latitudine), le ondate di calore africane avranno minor probabilità di manifestarsi. E questo, con le estati che corrono, è certamente un bene.

Luca Angelini

Powered by Siteground