19 November 2018

La Giornata Mondiale del Suolo: tanti buoni propositi ma poi…

L’Italia “consuma” 3 metri quadrati al secondo di terreno.

Il 5 dicembre 2017, come ogni anno, è stata celebrata la Giornata Mondiale del Suolo, ideata dal Global Soil Partnership, un’alleanza internazionale fra stati, istituzioni e ONG promossa dalla Fao, l’agenzia agroalimentare dell’Onu. Scopo della Giornata è richiamare l’attenzione sull’importanza di un suolo sano e promuovere la gestione sostenibile delle risorse del terreno. Il rischio da combattere è un consumo del suolo insostenibile, ovvero la sua copertura con cemento o asfalto in modo incontrollato. In Italia, secondo dati Ispra, il consumo di suolo procede a un ritmo di 3 metri quadrati al secondo.

Il tema di quest’anno della Giornata è stata “La cura del pianeta parte dalla terra“. “Nonostante il ruolo essenziale che il suolo gioca sui mezzi di sussistenza umani – si legge sul sito della Fao – c’è un aumento su scala mondiale del degrado delle risorse del suolo, a causa di pratiche di gestione inappropriate, con la pressione demografica che causa una pressione insostenibile e una governance inadeguata su questa risorsa essenziale”.

A livello europeo la rete “People 4 Soil”, formata da ong ambientaliste, istituti di ricerca e associazioni di agricoltori, ha raccolto oltre 212 mila firme per una petizione alla Commissione europea (Ice, Iniziativa dei cittadini europei) che chiede di istituire e di sviluppare un quadro giuridico vincolante per la tutela del suolo, fissando principi e regole da rispettare da parte di ciascuno Stato membro. In Italia sono state raccolte 82.226 firme.

Le ONG ambientaliste chiedono al Parlamento italiano di varare entro la legislatura la legge per il contenimento del consumo di suolo e la difesa delle aree agricole, già approvata dalla Camera nel maggio 2016 e ferma da più di 500 giorni in Senato. Secondo l’Ispra (dati del 2016) risultano cementificati oltre 23 mila chilometri quadrati di superficie (pari a Campania, Molise e Liguria messe insieme), niente meno che il 7,6% del territorio nazionale.

Report Luca Angelini

La Giornata Mondiale del Suolo: tanti buoni propositi ma poi…