La NEVE al nord, quante probabilità ci sono che arrivi tra venerdì e sabato?

Ci sono buone possibilità e non solo in montagna ma, su alcune regioni, anche per quote collinari e di pianura.

Questo è solo un flash introduttivo che non pretende certo di esaurire l’argomento, considerando anche il fatto che all’evento mancano ancora più di 48 ore e, come ben sapete, non si presta ad analisi superficiali.

Parliamo allora di probabilità. Tutto nasce dalla posizione di un minimo nei bassi strati, che potrebbe posizionarsi sul golfo Ligure piuttosto che sulla pianura Padana. Questo farà la differenza nella distribuzione delle precipitazioni (pioggia + neve), che nel primo caso sarebbero maggiormente concentrate sulla bassa Padana e nel secondo all’intero settentrione.

Stando alle elaborazioni attuali, vista anche la possibile distribuzione del campo di temperatura potenziale di bulbo bagnato (parametro determinante nel capire le zone dove le precipitazioni faranno scendere lo zero termico trasformando la pioggia in neve) possiamo tracciare un settore dove le precipitazioni potranno manifestarsi a carattere nevoso nell’arco temporale considerato, ossia tra venerdì 1 e sabato 2 dicembre.

Le aree soggette a questa possibilità sono evidenziate nella figura in alto (click per aprirla). Entro il bordo bianco le aree probabilmente interessate da possibili nevicate (senza accumulo al suolo), entro quello rosso quelle interessate da possibile neve con accumulo. Come vedete, in pianura potrebbe nevicare sull’Emilia, sulla Lombardia occidentale e in Piemonte. Ricordo che le pulsazioni saranno due, una prima attesa per venerdì mattina una seconda che subentrerà tra la sera e la notte su sabato. Nei prossimi editoriali approfondiremo e aggiorneremo ulteriormente l’evoluzione.

Continuate a seguirci.

Luca Angelini

La NEVE al nord, quante probabilità ci sono che arrivi venerdì 1 dicembre?