16 January 2021

La NEVE al nord, quello che dicono le ARPA regionali

Un editoriale inedito, perchè integra e aggiorna il quadro previsionale da noi anticipato nei precedenti editoriali. fornendo il parere tecnico espresso in questo caso dalle ARPA regionali, con un VIDEO riassuntivo a fine articolo. Si tratta delle previsioni di chi ha esperienza ed opera sul territorio, ne conosce i microclimi e può così pervenire ad una prognosi meteo dettagliata più corretta.

Partiamo dalla VALLE D’AOSTA: la regione verrà interessata marginalmente dalle correnti umide di ritorno legate al minimo di pressione in approfondimento sul golfo Ligure. Per questo sono previste deboli nevicate a partire da 500-700 metri, più probabili e frequenti sui settori centrali e orientali. fenomeni diverranno più estesi e continui nella seconda parte della giornata. Possibile spruzzata anche a Torino

Ora il PIEMONTE dove si partirà da una notte molto fredda, cui seguirà una mattina incerta con le prime nevicate a carattere locale sino in pianura. I fenomeni diverranno più estesi e continui nella seconda parte della giornata. Possibile spruzzata anche a Torino.

Detto questo passiamo alla LOMBARDIA dove avremo deboli precipitazioni al mattino a partire da Alpi di confine, Appennino e Pavese, con limite delle nevicate a partire da 400-500 metri, diffuse e continue in serata, specie su Varesotto, ovest Milanese, Pavese. Possibili episodi di neve anche in pianura, specie in serata, ad eccezione del Mantovano. In serata possibile debole nevicata anche a Milano.

Per l’EMILIA-ROMAGNA le precipitazioni risulteranno deboli e nevose al mattino sui rilievi e sulla pianura tra Piacentino e Reggiano; potranno essere a carattere di acqua mista a neve sulla pianura tra Modena e Bologna, dove, sui rilievi, la quota neve è prevista situarsi a circa 500 metri. Tra pomeriggio e sera neve possibile fino in pianura tra Parma e Piacenza. Molto bassa la probabilità di neve a Bologna.

Uno sguardo al TRIVENETO partendo dal Veneto dove è prevista nuvolosità in aumento ma precipitazioni al più deboli e in prevalenza concentrate sui settori meridionali. Quota neve a partire da 500 metri. Eventuali episodi di neve coreografica in pianura saranno a carattere isolato. Trascurabile la probabilità di neve a Venezia. Situazione analoga anche in Trentino con nubi in aumento dal pomeriggio, ma precipitazioni deboli e isolate, seppur sotto forma di neve o nevischio sin quasi nel fondovalle. A Trento possibilità al più di debole nevischio. Infine l’Alto Adige, con le nubi che aumentano, senza tuttavia apportare precipitazioni degne di nota. Trascurabile la probabilità di neve a Bolzano.

Un cenno al FRIULI VENEZIA GIULIA nubi sparse, più compatte sul Tarvisiano, dove non si esclude qualche debole spruzzata di neve a partire da 300 metri. Bora,specie in serata. Trascurabile la probabilità di neve a Trieste, bassa ad Udine.

Il quadro in LIGURIA dove avremo cieli sempre più chiusi e possibilità di precipitazioni, che dal pomeriggio saranno frequenti e nevose nelle aree interne. Possibili temporanei apporti nevosi coreografici fino in costa tra Genova e Savona.

Per ulteriori informazioni consigliamo il VIDEO qui sotto riportato.

Luca Angelini

La NEVE al nord, quello che dicono le ARPA regionali