3 December 2020

Le stazioni meteo preferite dagli appassionati

La NEVE sulle Alpi? Tutta adesso

Non una ma tre perturbazione in rapida sequenza ed ecco che l’arco alpino, snobbato dalle nevicate per gran parte dell’inverno, si rifarà decisamente il trucco. Tutti i versanti delle nostre montagne verranno interessati, dato che la circolazione ciclonica nella quale si inseriranno i passaggi perturbati li colpiranno da tutte le angolazioni, prima i versanti meridionali, poi anche quelli settentrionali, prima i settori occidentali, poi anche quelle orientali.

Anche le quote neve, in considerazione della miscelazione media delle masse d’aria coinvolte, si collocheranno su livelli piuttosto “interessanti”, mediamente a partire da 1.200-1.300 metri. Tale livello è comunque da considerare variabile, sia in dipendenza dei pennacchi d’aria che si infiltreranno durante la complessa evoluzione meteo prevista, sia per via della variabile intensità delle precipitazioni, sia anche per altri particolari legati alla vicinanza o meno con la pianura Padana così come per fattori microclimatici locali.

Per approfondire ulteriormente l’argomento nevicate e per capire come si comporta il tempo in queste situazioni vi consiglio questo ampio approfondimento VIDEO.

In conseguenza a tutto ciò anche i depositi al suolo risentiranno molto l’esposizione, l’orientamento delle valli e la vicinanza o meno da mari e pianure. Vi segnalo comunque che i venti di Scirocco che arriveranno in testa alla prima perturbazione (la più “generosa” in termini di precipitazioni), determineranno nevicate decisamente abbondanti a ridosso dei settori alpini centro-occidentali: i modelli numerici stimano che a partire da 1.500 metri nelle prossime 36 ore (fino alle 24 di sabato) potranno cadere fino a 100-120 centimetri sulle Lepontine (Ossola-Formazza), fino a un metro su Graie, Pennine e Retiche (Valle d’Aosta, alto Piemonte, alta Lombardia). Su tutti gli altri settori dell’arco alpino depositi medi stimati tra 30 e 50 centimetri.

Una situazione che renderà certamente delicata la stabilità del manto nevoso con rischio di valanghe. Intanto vi indico la pagina dedicata a tutto quanto riguarda la montagna, compreso i bollettini in real time emessi tramite servizio Meteomont, poi approfondiremo in un apposito approfondimento dedicato e aggiornato.

Luca Angelini

La NEVE sulle Alpi? Tutta adesso